Legge regionale 07 luglio 2017 , n. 25 - TESTO VIGENTE dal 09/08/2022

Norme per la raccolta e la commercializzazione dei funghi epigei spontanei nel territorio regionale.

Art. 8

(Modalità per la ricerca e la raccolta dei funghi)

1. La ricerca e la raccolta dei funghi si svolgono in ogni caso nel rispetto delle seguenti modalità:

a) la ricerca è consentita da un'ora prima del sorgere del sole fino a un'ora dopo il tramonto;

b) nella ricerca è sempre vietato l'uso di rastrelli, uncini o altri mezzi che possono danneggiare lo stato umifero del terreno, il micelio fungino o l'apparato radicale della vegetazione;

c) la raccolta avviene cogliendo esemplari interi e completi di tutte le parti necessarie alla determinazione della specie ed evitando di danneggiare il micelio sottostante;

d) non sono consentite la raccolta e l'asportazione, anche a fini di commercio, della cotica superficiale del terreno;

e) all'atto della raccolta, i funghi sono puliti sommariamente sul posto e riposti in contenitori rigidi e aerati;

f) non è consentito riporre i funghi in borse di plastica;

g) all'obbligo della pulizia sommaria non sono tenuti coloro che sono stati autorizzati alla raccolta a fini espositivi, didattici, scientifici e di prevenzione ai sensi dell'articolo 6;

h) non è consentito distruggere o danneggiare volontariamente i carpofori di qualsiasi specie di fungo, anche non commestibile o velenoso.