Legge regionale 08 aprile 1997, n. 10 - TESTO VIGENTE dal 02/12/2021

Disposizioni per la formazione del Bilancio pluriennale ed annuale della Regione (Legge finanziaria 1997).
Note riguardanti modifiche apportate all’intera legge:
1Ai sensi dell' articolo 4, comma 75, della L.R. 4/2001 non trovano applicazione le disposizioni della presente legge, che risultino incompatibili con quanto previsto dai commi 70, 71, 72, 73 e 74 del medesimo articolo 4.
2Integrata la disciplina della legge da art. 4, comma 74, L. R. 4/2001
Art. 1
2. Per l'anno 1997, la Regione assegna alle Province, ai Comuni ed alle Comunità montane somme corrispondenti ai trasferimenti disposti dallo Stato per l'anno 1997 ai sensi degli articoli 35, 39, 40 e 41 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504, e successive modificazioni ed integrazioni. La misura dell'assegnazione spettante a ciascun ente è determinata con riferimento all'importo dei trasferimenti spettanti per l'anno 1997, secondo i dati comunicati dal Ministero dell'Interno, quali risultano nell'allegato A.
3. Per le finalità previste dai commi 1 e 2 è autorizzata la spesa di lire 515.677.255.049 per l'anno 1997 a carico del capitolo 1850 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
4. L' Amministrazione regionale è autorizzata a concedere nell'anno 1997, ai Comuni, la cui quota pro-capite dei trasferimenti di cui al comma 2 sia inferiore alla media pro-capite dei trasferimenti calcolata su base regionale, contributi perequativi delle assegnazioni medesime per l'importo complessivo di lire 10 miliardi.
5. I criteri per l'assegnazione dei contributi di cui al comma 4 sono definiti con regolamento approvato con decreto del Presidente della Giunta regionale, previa delibera della Giunta regionale, sentita la competente Commissione consiliare.
6. Per le finalità di cui al comma 4 è autorizzata la spesa di lire 10 miliardi per l'anno 1997 a carico del capitolo 1851 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
7. In attuazione dell' articolo 54 dello Statuto speciale di autonomia, nonché in attuazione e per le finalità della legge regionale 9 marzo 1988, n. 10, e delle successive leggi regionali in materia di devoluzione di funzioni agli enti locali, ai medesimi è assegnata - con le modalità previste dall'articolo 66, commi 2, 3, lettera a), 3 quater e 3 quinquies della legge regionale 10/1988, come modificato dall'articolo 3 della legge regionale 1 febbraio 1993, n. 1 - la somma complessiva di lire 120.000 milioni per l'anno 1997, da trasferirsi alle Province, ai Comuni, alle Comunità montane e alla Comunità collinare del Friuli nella seguente misura:
b) lire 75.000 milioni ai Comuni;
c) lire 7.000 milioni alle Comunità montane e alla Comunità collinare del Friuli.
9. Per le finalità previste dal comma 7, lettera b), è autorizzata la spesa di lire 75.000 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 1800 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
10. Per le finalità previste dal comma 7, lettera c), è autorizzata la spesa di lire 7.000 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 1802 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
11. L' Amministrazione regionale è autorizzata a concedere alle Comunità montane un finanziamento straordinario di lire 5.300 milioni per le spese correnti relative all'anno 1997.
13. Per le finalità previste dal comma 11 è autorizzata la spesa di lire 5.300 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 958 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
14. Nell'ambito delle finalità già previste dalla legge regionale 2 settembre 1991, n. 39, è autorizzato il finanziamento straordinario di investimenti pubblici per opere ed infrastrutture quali individuate dall'articolo 1 della legge regionale 39/1991, come modificato dall'articolo 16 della legge regionale 7 settembre 1992, n. 30, e dall'articolo 10 della legge regionale 18 dicembre 1992, n. 37, la cui realizzazione formi oggetto di nuovi accordi di programma, da stipularsi ai sensi dell'articolo 10 della legge regionale 10/1988.
16. Per le finalità di cui al comma 14, è autorizzata la spesa complessiva di lire 24.000 milioni, suddivisa in ragione di lire 4.000 milioni per l'anno 1997 e lire 10.000 milioni per ciascuno degli anni 1998 e 1999 a carico del capitolo 930 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
17. Per le finalità di cui al comma 14 è autorizzata la spesa di lire 3.000 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 931 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997 a fronte dell'entrata di pari importo prevista sul capitolo 1650 dello stato di previsione dell'entrata dei bilanci citati.
20. A decorrere dal 1997, i benefici previsti dall'articolo 65 della legge regionale 21 ottobre 1986, n. 41, come modificato dall'articolo 4 della legge regionale 6 novembre 1995, n. 42, e le relative autorizzazioni di spesa a carico dei capitoli 5065, 4005 e 4923 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997 - ivi comprese le disponibilità ancora esistenti sui citati capitoli a fronte di autorizzazioni disposte negli anni precedenti - sono riservati esclusivamente a favore dei Comuni che non abbiano già beneficiato di finanziamenti ai sensi delle surrichiamate normative.
Note:
1Derogata la disciplina del comma 20 da art. 16, comma 20, L. R. 3/1998, sino ad avvenuta modifica del citato articolo ad opera di art. 68, comma 1, L. R. 24/2006
2Abrogate, con effetto dal 10 gennaio 1997, le disposizioni del comma 20 riguardanti l' articolo 21 della L.R. 32/87 e relative autorizzazioni di spesa, come previsto dal comma 11 dell' articolo 122 della L.R. 13/98.
3Integrata la disciplina del comma 2 da art. 3, comma 35, L. R. 4/2001
4Integrata la disciplina del comma 8 da art. 3, comma 19, L. R. 4/2001
5Parole soppresse al comma 14 da art. 1, comma 4, L. R. 13/2002
6Comma 15 abrogato da art. 1, comma 4, L. R. 13/2002
7Comma 18 abrogato da art. 1, comma 4, L. R. 13/2002
8Comma 19 abrogato da art. 1, comma 4, L. R. 13/2002
9Parole soppresse al comma 20 da art. 31, comma 1, L. R. 20/2005
10Parole soppresse al comma 20 da art. 55, comma 1, L. R. 24/2006
Art. 3
 (Programma di revisione della legislazione regionale)
1. Al fine di adeguare i principi e i metodi della legislazione regionale alle esigenze dell'autonomia locale e del decentramento, nonché per favorire la piena realizzazione dell'autonomia degli enti locali, ai sensi dell'articolo 2 del decreto legislativo 2 gennaio 1997, n. 9, la Giunta regionale, entro sei mesi dall'entrata in vigore della presente legge, sentite le associazioni degli enti locali, presenta al Consiglio regionale un disegno di legge quadro per la revisione della legislazione di settore.
3. Al fine di dare concreta attuazione al principio di autonomia finanziaria degli enti locali nell'ambito della più generale valorizzazione dell'autonomia locale, l'Amministrazione regionale, a partire dall'anno l998, assegna agli enti medesimi una quota di compartecipazione ai tributi erariali di spettanza della Regione.
Note:
1Comma 3 bis aggiunto da art. 52, comma 1, L. R. 31/1997
2Parole aggiunte al comma 2 da art. 55, comma 1, L. R. 31/1997
Art. 4
14. L' Amministrazione regionale è altresì autorizzata a concedere alla "Promotur Spa" contributi pluriennali, per una durata massima di venti anni, a riduzione degli oneri di ammortamento, in linea capitale e interessi, dei mutui contratti per la realizzazione degli interventi previsti al comma 11.
15. In deroga alle disposizioni di cui alla legge regionale 31 ottobre 1986, n. 46, e successive modifiche, la concessione dei contributi di cui al comma 14 è disposta dopo l'approvazione da parte della Giunta regionale, sentita la Commissione consiliare competente, del programma di interventi da effettuare. La Giunta regionale stabilisce le specifiche condizioni dei mutui da stipulare, le modalità di attuazione e di verifica degli interventi, nonché le modalità di erogazione dei contributi.
16. La domanda per la concessione dei contributi di cui al comma 14 è presentata alla Direzione regionale del commercio e del turismo corredata del programma degli interventi da effettuare e di un preventivo di massima della spesa.
17. Al fine di consentire alla "Promotur Spa" di stipulare i mutui di cui al comma 14, l'Amministrazione regionale è autorizzata a prestare garanzie fideiussorie fino alla concorrenza di lire 40.000 milioni.
19. Per le finalità previste dal comma 14 è autorizzato il limite di impegno ventennale di lire 2.500 milioni per l'anno 1998, con l'onere di lire 5.000 milioni relativo alle annualità autorizzate per gli anni 1998 e 1999 a carico del capitolo 8180 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e l'onere relativo alle annualità autorizzate per gli anni dal 2000 al 2017 a carico dei corrispondenti capitoli del bilancio per gli anni medesimi.
20. Gli eventuali oneri derivanti dalla concessione delle garanzie previste dal comma 17 fanno carico al capitolo 1212 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999.
Note:
1Parole aggiunte al comma 2 da art. 13, comma 1, L. R. 3/1998 , con effetto, ex articolo 33 della medesima legge, dall' 1 gennaio 1998.
2Comma 4 bis aggiunto da art. 13, comma 2, L. R. 3/1998 , con effetto, ex articolo 33 della medesima legge, dall' 1 gennaio 1998.
3Integrata la disciplina del comma 4 bis da art. 13, comma 3, L. R. 3/1998 , con effetto, ex articolo 33 della medesima legge, dall' 1 gennaio 1998.
4Comma 4 bis sostituito da art. 10, comma 1, L. R. 25/1999
5Comma 4 ter aggiunto da art. 10, comma 1, L. R. 25/1999
6Comma 4 quater aggiunto da art. 10, comma 1, L. R. 25/1999
7Parole aggiunte al comma 2 da art. 6, comma 208, L. R. 2/2000
8Comma 2 bis aggiunto da art. 6, comma 209, L. R. 2/2000
9Comma 3 sostituito da art. 6, comma 210, L. R. 2/2000
10Comma 4 sostituito da art. 6, comma 211, L. R. 2/2000
11Integrata la disciplina dell'articolo da art. 3, comma 9, L. R. 13/2000
12Parole sostituite al comma 2 da art. 3, comma 7, L. R. 13/2000
13Comma 4 bis sostituito da art. 3, comma 8, L. R. 13/2000
14Integrata la disciplina del comma 4 bis da art. 3, comma 9, L. R. 13/2000
15Integrata la disciplina del comma 4 bis da art. 3, comma 10, L. R. 13/2000
16Integrata la disciplina del comma 4 bis da art. 3, comma 11, L. R. 13/2000
17Comma 4 ter abrogato da art. 3, comma 12, L. R. 13/2000
18Comma 4 quater abrogato da art. 3, comma 12, L. R. 13/2000
19Comma 9 bis aggiunto da art. 3, comma 15, L. R. 13/2000
20Comma 9 ter aggiunto da art. 3, comma 15, L. R. 13/2000
21Comma 9 quater aggiunto da art. 3, comma 15, L. R. 13/2000
22Comma 15 sostituito da art. 7, comma 129, L. R. 4/2001
23Derogata la disciplina del comma 3 da art. 15, comma 5, L. R. 13/2001, sino ad avvenuta modifica del citato articolo ad opera di art. 4, comma 29, L. R. 3/2002
24Derogata la disciplina del comma 3 da art. 16, comma 7, L. R. 13/2001, sino ad avvenuta modifica del citato articolo ad opera di art. 46, comma 2, L. R. 33/2002
25Derogata la disciplina del comma 3 da art. 17, comma 3, L. R. 13/2001, sino ad avvenuta modifica del citato articolo ad opera di art. 47, comma 2, L. R. 33/2002
26Comma 7 bis aggiunto da art. 3, comma 1, L. R. 18/2001
27Comma 7 bis abrogato da art. 2, comma 1, L. R. 19/2001
28Comma 4 bis sostituito da art. 4, comma 1, L. R. 13/2002
29Comma 1 abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
30Comma 2 abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
31Comma 2 bis abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
32Comma 3 abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
33Comma 4 abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
34Comma 4 bis abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
35Comma 5 abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
36Comma 6 abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
37Comma 7 abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
38Comma 8 abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
39Comma 9 abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
40Comma 9 bis abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
41Comma 9 ter abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
42Comma 9 quater abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
43Comma 10 abrogato da art. 20, comma 6, L. R. 33/2002 , a decorrere dall'1 gennaio 2003.
44Comma 11 abrogato da art. 30, comma 1, lettera jj), L. R. 10/2012
45Comma 12 abrogato da art. 30, comma 1, lettera jj), L. R. 10/2012
46Comma 13 abrogato da art. 30, comma 1, lettera jj), L. R. 10/2012
Art. 5
1. 
( ABROGATO )
2. 
( ABROGATO )
3. 
( ABROGATO )
4. 
( ABROGATO )
Note:
1Commi 1, 2, 3 e 4 abrogati con D.G.R. 1282/2001, pubblicata nel BUR S.S. n.12 dd. 13.7.2001, cosi' come previsto dall'art. 3, comma 2, L.R. 18/1996.
2Abrogato il comma 6, ai sensi dell'art. 3, comma 8, L.R. 18/1996, dall'art. 40 del D.P.Reg. 0277/Pres. dd. 27 agosto 2004 (B.U.R. 10/9/2004, S.S. n. 18).
Art. 6
1. L' Amministrazione regionale è autorizzata a concedere ai Consorzi garanzia fidi tra le piccole e medie imprese commerciali, di cui all'articolo 1 della legge regionale 4 maggio 1973, n. 32, ad integrazione dei fondi rischi, un finanziamento di lire 1.000 milioni per l'anno 1997, per la trasformazione delle esposizioni da breve a lungo termine sostenute dagli albergatori e dalle imprese commerciali e turistiche dei territori montani delle province di Udine e Pordenone. A tal fine è autorizzata la spesa di lire 1.000 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 8157 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
Note:
1Parole aggiunte al comma 1 da art. 6, comma 15, L. R. 23/2002
2Integrata la disciplina dell'articolo da art. 7, comma 34, L. R. 1/2007
Art. 8
 (Finanziamenti della spesa sanitaria
regionale di parte corrente)
1. In relazione ed in attuazione di quanto disposto dall'articolo 1, comma 144, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, la Regione provvede al finanziamento della spesa sanitaria di parte corrente con i proventi dei contributi sanitari di cui all'articolo 11, comma 9, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e con finanziamenti aggiuntivi propri.
3. Per l'anno 1997, a rendicontazione delle risorse percepite gli enti di cui al comma 2 presentano il bilancio consolidato d'esercizio.
4. Per le finalità previste dal comma 1 è autorizzata la spesa aggiuntiva di complessive lire 2.377 miliardi, suddivisa in ragione di lire 807 miliardi per l'anno 1997, lire 792 miliardi per l'anno 1998 e lire 778 miliardi per l'anno 1999, a carico del capitolo 4360 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997, il cui stanziamento risulta determinato in complessive lire 6.162 miliardi, suddivisi in ragione di lire 2.054 miliardi per ciascuno degli anni dal 1997 al 1999, in relazione ai previsti proventi dei contributi sanitari iscritti sul capitolo 272 dello stato di previsione dell'entrata dei citati bilanci nella misura complessiva di lire 3.785 miliardi, di cui lire 1.247 miliardi per l'anno 1997, lire 1.262 miliardi per l'anno 1998 e lire 1.276 miliardi per l'anno 1999.
5. In relazione al disposto di cui all'articolo 34, comma 3, della legge 23 dicembre 1994, n. 724, l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere agli Enti che esercitano nella Regione le funzioni del Servizio sanitario nazionale finanziamenti, per l'ammontare complessivo di lire 1.426.069.000, integrativi di quote vincolate di spesa sanitaria relative agli anni 1995 e 1996 assegnate dallo Stato a valere sugli accantonamenti disposti a carico del Fondo sanitario nazionale per gli anni medesimi.
6. Per le finalità previste dal comma 5 è autorizzata la spesa di lire 1.426.069.000 per l'anno 1997 a carico del capitolo 4391 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
7. In attuazione del disposto di cui all'articolo 3, comma 3 bis, lettera a), del decreto legge 15 settembre 1990, n. 262, convertito con modificazioni nella legge 19 novembre 1990, n. 334, al fine di concorrere alla copertura della residua maggior spesa sanitaria effettivamente sostenuta nell'anno 1990, l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere agli enti che esercitano nella Regione le funzioni del Servizio sanitario un finanziamento di lire 5.000 milioni.
8. Per le finalità previste dal comma 7 è autorizzata la spesa di lire 5.000 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 4380 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
9. Ad integrazione delle quote di partecipazione regionale alla spesa sanitaria di parte corrente relativa agli anni 1991 e 1992 e delle autorizzazioni di spesa disposte con l'articolo 19, comma 3, della legge regionale 1 febbraio 1991, n. 4, e con l'articolo 27, comma 3, della legge regionale 5 febbraio 1992, n. 4, l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere agli enti che esercitano nella Regione le funzioni del Servizio sanitario finanziamenti per complessive lire 23.313 milioni, relativi per lire 17.450 milioni all'anno 1991 e per lire 5.863 milioni all'anno 1992, al fine di assicurare la copertura della maggior spesa sanitaria certificata in relazione al consolidamento al 31 dicembre 1994 delle situazioni amministrative delle gestioni stralcio delle preesistenti Unità sanitarie locali.
10. Per le finalità previste dal comma 9 è autorizzata per l'anno 1997 la spesa di lire 23.313 milioni a carico del capitolo 4390 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
11. In deroga al disposto di cui all'articolo 7, secondo comma, della legge regionale 20 gennaio 1982, n. 10, e successive modificazioni ed integrazioni, l'accantonamento a fondo globale di lire 35.000 milioni iscritto sul capitolo 8900 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1996-1998 e del bilancio per l'anno 1996 (partita n. 5 dell'elenco n. 4 allegato ai bilanci medesimi) non utilizzato al 31 dicembre 1995, non è trasferito all'esercizio 1997. La presente disposizione ha effetto con decorrenza dal 31 dicembre 1996.
Art. 9

( ABROGATO )

Note:
1Articolo abrogato da art. 1, comma 1, L. R. 11/2010
Art. 10

( ABROGATO )

Note:
1Articolo abrogato da art. 1, comma 1, L. R. 11/2010
Art. 11

( ABROGATO )

Note:
1Integrata la disciplina del comma 9 da art. 11, comma 26, L. R. 4/1999
2Articolo abrogato da art. 1, comma 1, L. R. 11/2010
Art. 12
 (Interventi nel settore dell'edilizia
abitativa e del territorio)
2. In deroga a quanto disposto dagli articoli 80, secondo comma, e 81 della legge regionale 75/1982, la quota di lire 18.000 milioni relativa agli introiti previsti per l'anno 1999 sul capitolo 1531 dello stato di previsione dell'entrata del bilancio pluriennale per gli anni 1997- 1999, dei rientri delle anticipazioni a valere sul Fondo regionale di rotazione per interventi nel settore dell'edilizia abitativa, è destinata, nell'ambito delle finalità previste dall'articolo 81 della legge regionale 75/1982, come da ultimo modificato dall'articolo 9 della legge regionale 24 luglio 1995, n. 31, all'attuazione, per pari importo, di interventi degli IACP e, conseguentemente, è autorizzata la spesa di lire 18.000 milioni per l'anno 1999 a carico del capitolo 3294 dello stato di previsione della spesa dei bilanci precitati.
6. Per le finalità di cui al Titolo IV della legge regionale 17 giugno 1993, n. 45, è autorizzata la spesa complessiva di lire 50.000 milioni, suddivisa in ragione di lire 20.000 milioni per l'anno 1998 e di lire 30.000 milioni per l'anno 1999 a carico del capitolo 1390 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999.
8. La Giunta regionale con propria deliberazione, da adottarsi entro sessanta giorni dall'entrata in vigore della presente legge, provvede ad approvare un apposito regolamento di attuazione di quanto previsto al comma 7.
9. Per le finalità previste al comma 7 è autorizzata la spesa di lire 2.000 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 3345 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
11. Le annualità relative sono iscritte nello stato di previsione della spesa del bilancio regionale nella misura di lire 100 milioni per ciascuno degli anni dal 1997 al 2016.
12. L' onere complessivo di lire 300 milioni, corrispondente alle annualità autorizzate per gli anni dal 1997 al 1999, fa carico al capitolo 3436 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997 e l'onere relativo alle annualità autorizzate per gli anni dal 2000 al 2016 fa carico ai corrispondenti capitoli del bilancio per gli anni medesimi.
13. Per le finalità previste dall'articolo 8 della legge 9 gennaio 1991, n. 10, è autorizzata la spesa di lire 2.947.862.490 per l'anno 1997 in funzione del riutilizzo, ai sensi della delibera CIPE 30 dicembre 1992, di quote disimpegnate dei finanziamenti statali disposti ai sensi dell'articolo 8 della legge 29 maggio 1982, n. 308, e dell'articolo 10 della legge 10/1991, a carico del capitolo 3343 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
14. Per le finalità previste dall'articolo 18, comma 1, della legge regionale 1 febbraio 1991, n. 4, come modificato dall'articolo 19, comma 19, lettera a), della legge regionale 6 settembre 1991, n. 47, è autorizzata la spesa di lire 500 milioni per l'anno 1999 a carico del capitolo 3374 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999.
15. Per le finalità previste dall'articolo 18, comma 1 bis, della legge regionale 4/1991, come inserito dall'articolo 19, comma 19, lettera b), della legge regionale 47/1991, è autorizzata la spesa complessiva di lire 1.000 milioni, suddivisa in ragione di lire 250 milioni per ciascuno degli anni 1997 e 1998 e di lire 500 milioni per l'anno 1999 a carico del capitolo 3374 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
16. Per completare la realizzazione di piste forestali nelle province di Udine e Pordenone, finanziata dallo Stato ai sensi dell'articolo 21 della legge 26 aprile 1983, n. 130, è autorizzato il riutilizzo, ai sensi della delibera del CIPE del 19 dicembre 1989, delle quote di finanziamenti statali risultanti inutilizzate per l'ammontare di lire 159.049.482. A tal fine è autorizzata la spesa di lire 159.049.482 per l'anno 1997 a carico del capitolo 2888 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
17. Per completare la realizzazione della viabilità di servizio forestale, in zone di alto fusto nella provincia di Udine, finanziata dallo Stato ai sensi dell'articolo 12 della legge 22 dicembre 1984, n. 887, è autorizzato il riutilizzo, ai sensi della delibera del CIPE del 19 dicembre 1989, delle quote di finanziamenti statali risultanti inutilizzate per l'ammontare di lire 28.272.534. A tal fine è autorizzata la spesa di lire 28.272.534 per l'anno 1997 a carico del capitolo 2889 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
18. L' Amministrazione regionale è autorizzata a concedere nell'anno 1997, contributi straordinari ai Comuni delle zone lagunari che gestiscono Centri visite di oasi avifaunistiche o di ambiti di tutela e fruizione ambientale.
19. Le domande per la concessione dei contributi di cui al comma 18 sono inoltrate all'Azienda delle foreste e dei parchi regionali corredate di un preventivo di spesa e di una relazione illustrativa.
20. Per le finalità di cui al comma 18 è autorizzata la spesa di lire 50 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 3126 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
21. Al fine di consentire la piena funzionalità dell'impianto di incenerimento sito nel comune di Moraro mediante interventi di manutenzione straordinaria ed adeguamenti alle norme di sicurezza l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere a favore del Consorzio Intercomunale Servizi Ambientali di Gradisca d'Isonzo, proprietario dell'impianto, anticipazioni finanziarie in conto capitale fino al limite massimo di lire 1.000 milioni, da restituire senza interessi in tre anni con rate di ammortamento costanti.
22. La domanda è presentata, entro trenta giorni dall'entrata in vigore della presente legge, alla Direzione regionale dell'ambiente, corredata di una relazione tecnica illustrativa e del preventivo di spesa.
23. L'anticipazione finanziaria è erogata in unica soluzione contestualmente al provvedimento di concessione, con riferimento ai lavori attuati o da attuarsi a partire dalla data del dissequestro giudiziario dell'impianto. Le modalità di accertamento dell'utilizzo dell'anticipazione predetta sono indicate nel provvedimento di concessione.
24. Per le finalità previste dal comma 21 è autorizzata la spesa di lire 1.000 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 2433 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
25. Gli introiti delle somme rimborsate affluiscono al capitolo 1508 dello stato di previsione dell'entrata dei bilanci predetti e dei corrispondenti capitoli di bilancio per gli anni futuri.
26. In attuazione delle disposizioni di cui all'articolo 9 della legge 1 dicembre 1986, n. 879, l'Amministrazione regionale è autorizzata a predisporre ed attuare un'integrazione, con l'individuazione di nuovi interventi, del progetto mirato alla ripresa economica delle zone dei territori delle Comunità montane del Gemonese e del Canal del Ferro-Val Canale interessate dalle grandi vie di comunicazione internazionali, stradali e ferroviarie, definito ai sensi dell'articolo 15, comma 1, lettera b), della legge regionale 31 ottobre 1987, n. 35.
28. Per le finalità previste dal comma 26 è autorizzata la spesa di lire 1.600 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 1042 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
30. Per le finalità previste dall'articolo 66, comma 3, della legge regionale 5/1994, come integrato dal comma 29, è autorizzata la spesa complessiva di lire 1.400 milioni, suddivisa in ragione di lire 1.000 milioni per l'anno 1997 e di lire 400 milioni per l'anno 1998 a carico del capitolo 3709 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
31. L' Amministrazione regionale è autorizzata a concedere al Comune di Ovaro un contributo straordinario di lire 1.500 milioni per il completamento della strada comunale Muina-Raveo, unica viabilità alternativa alla SS 355 di collegamento con il Cadore. L'assegnazione straordinaria è concessa ed erogata in via anticipata ed in un'unica soluzione.
32. Per l e finalità previste dal comma 31 è autorizzata la spesa di lire 1.500 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 3714 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
33. Per la realizzazione di programmi di investimento nell'ambito del porto di Trieste, ivi compresi quelli già avviati alla data di entrata in vigore della presente legge, l'Amministrazione regionale è autorizzata a convertire i contributi in conto esercizio previsti a favore dell'Autorità portuale di Trieste - Ente autonomo del porto di Trieste in contributi in conto capitale a favore del medesimo ente. I programmi comprendono la realizzazione ed il completamento di opere, impianti ed attrezzature fisse o mobili ed i relativi lavori di manutenzione straordinaria.
35. Per le finalità di cui al comma 33 è autorizzata la spesa complessiva di lire 4.500 milioni, suddivisa in ragione di lire 1.000 milioni per l'anno 1997, di lire 1.500 milioni per l'anno 1998 e di lire 2.000 milioni per l'anno 1999 a carico del capitolo 3780 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
36. Al fine della realizzazione di una rete interregionale di radar meteorologici, prevista nell'ambito della programmazione statale in materia di tutela ambientale, l'Amministrazione regionale partecipa al progetto denominato "Applicazioni operative dei sistemi di monitoraggio ambientale ed interconnessione in rete dei radar meteorologici regionali" e ne sostiene le relative spese in compartecipazione con lo Stato e le altre Regioni interessate. A tal fine è autorizzata a concedere all'Ente regionale per lo sviluppo dell'agricoltura (ERSA) un finanziamento complessivo di lire 212.500.000 per la realizzazione degli interventi di calibrazione dei dati radar con la rete di monitoraggio ambientale a terra e di connessione tra il radar dell'ERSA ed il polo regionale del Sistema informativo nazionale dell'ambiente (SINA).
37. Il finanziamento di cui al comma 36 è concesso ed erogato in via anticipata ed in un'unica soluzione. Il provvedimento di concessione ne stabilisce le modalità di rendicontazione.
Note:
1Parole sostituite al comma 27 da art. 33, comma 2, L. R. 23/1997
2Parole soppresse al comma 7 da art. 79, comma 1, L. R. 13/1998
3Comma 29 abrogato da art. 1, comma 1, L. R. 11/2010
Art. 13
16. Al fine della realizzazione di una residenza assistenziale per l'accoglimento di anziani prevalentemente non autosufficienti in un'area con numeri di posti letto inferiore alla media regionale ed in considerazione della priorità che riveste l'intervento di completamento di una struttura già oggetto di contribuzione per il primo lotto dei lavori, da tempo ultimati, l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere al Comune di Trieste un contributo straordinario pluriennale per un periodo non superiore a quindici anni e nella misura indicata dal comma 19, per il completamento dei lavori di restauro e di risanamento dell'ex ospedale Gregoretti.
17. La domanda per la concessione del contributo di cui al comma 16 è presentata alla Direzione regionale dell'assistenza sociale entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge e deve essere corredata di una relazione tecnica illustrativa e di elaborati grafici di massima, predisposti da tecnici abilitati, atti ad individuare i costi dell'iniziativa e le migliorie funzionali e ricettive da apportare alla struttura. All'intervento di cui al comma 16 si applica il disposto di cui al comma 12.
18. Sull' immobile per il quale è concesso il contributo regionale di cui al comma 16 è costituito vincolo decennale di destinazione d'uso, con decorrenza dalla data di autorizzazione all'agibilità della struttura.
19. Per le finalità previste dal comma 16 è autorizzato nell'anno 1998 il limite d'impegno quindicennale di lire 1.000 milioni, con l'onere di lire 2.000 milioni relativo alle annualità autorizzate per gli anni 1998 e 1999 a carico del capitolo 4874 dello stato di previsione del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e l'onere relativo alle annualità autorizzate per gli anni dal 2000 al 2012 a carico dei corrispondenti capitoli di bilancio per gli anni medesimi.
20. In attesa del completamento della riorganizzazione istituzionale di cui alla legge regionale 25 settembre 1996, n. 41, ed in attuazione del disposto di cui all'articolo 28 della medesima legge, l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere contributi per l'anno 1997 ai Comuni, loro Consorzi ed alle Aziende per i servizi sanitari che alla data del 30 novembre 1996 gestivano i servizi previsti dall'articolo 6, comma 1, lettere e), f), g) ed h) e comma 7 della legge regionale 41/1996; detti enti sono autorizzati alla prosecuzione di tale attività al fine di garantire la continuità delle prestazioni ed il mantenimento dei livelli di assistenza.
22. I contributi di cui al comma 20 possono essere utilizzati anche per nuove iniziative, rientranti nelle previsioni di cui alla legge 41/1996, a condizione che la Giunta regionale abbia previamente espresso parere favorevole sui programmi di attività degli enti concordati con tutti i soggetti istituzionali del territorio interessati.
23. Per le finalità previste dal comma 20 è autorizzata la spesa di lire 20.000 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 4969 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
25. Per le finalità previste dal comma 24 è autorizzata la spesa di lire 400 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 7870 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
26. L' Amministrazione regionale è autorizzata a concedere all'Associazione - Sklad Mitja Cuk di (Opicina) Trieste un finanziamento straordinario di lire 120 milioni da destinare al ripiano del disavanzo accertato a tutto il 1996, consolidatosi negli esercizi pregressi a fronte delle spese di gestione per l'esercizio dell'attività istituzionale a favore di minori portatori di handicap e disagiati.
27. La relativa domanda, corredata del bilancio al 31 dicembre 1996, regolarmente approvato, deve essere presentata alla Direzione regionale dell'assistenza sociale entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge.
28. Per le finalità previste dal comma 26 è autorizzata la spesa di lire 120 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 4975 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
Note:
1Vedi la disciplina transitoria del comma 11, stabilita da art. 22, comma 1, L. R. 23/1997
2Parole sostituite al comma 24 da art. 123, comma 1, L. R. 13/1998
3Integrata la disciplina del comma 9 da art. 52, comma 1, L. R. 9/1999
4Comma 4 sostituito da art. 3, comma 20, L. R. 2/2000
5Comma 6 sostituito da art. 3, comma 20, L. R. 2/2000
6Integrata la disciplina del comma 1 da art. 4, comma 72, L. R. 4/2001
7Integrata la disciplina del comma 2 da art. 4, comma 72, L. R. 4/2001
8Integrata la disciplina del comma 3 da art. 4, comma 72, L. R. 4/2001
9Parole soppresse al comma 2 da art. 10, comma 4, L. R. 8/2001
10Integrata la disciplina del comma 1 da art. 12, comma 12, L. R. 13/2002
11Derogata la disciplina del comma 2 da art. 12, comma 12, L. R. 13/2002
12Integrata la disciplina del comma 2 da art. 12, comma 12, L. R. 13/2002
13Integrata la disciplina del comma 3 da art. 12, comma 12, L. R. 13/2002
14Integrata la disciplina del comma 4 da art. 12, comma 12, L. R. 13/2002
15Parole sostituite al comma 1 da art. 31, comma 1, L. R. 19/2006
16Parole aggiunte al comma 3 da art. 31, comma 2, L. R. 19/2006
17Comma 1 sostituito da art. 2, comma 13, L. R. 30/2007
18Comma 2 sostituito da art. 2, comma 13, L. R. 30/2007
19Comma 3 sostituito da art. 2, comma 13, L. R. 30/2007
20Comma 4 sostituito da art. 2, comma 13, L. R. 30/2007
21Comma 5 sostituito da art. 2, comma 13, L. R. 30/2007
22Comma 6 abrogato da art. 2, comma 15, L. R. 30/2007
23Comma 7 abrogato da art. 2, comma 15, L. R. 30/2007
24Comma 8 abrogato da art. 2, comma 15, L. R. 30/2007
25Comma 9 abrogato da art. 2, comma 18, L. R. 30/2007 , a decorrere dall'entrata in vigore del Regolamento di cui all'articolo 40, comma 4 della L.R. 6/2006.
26Comma 10 abrogato da art. 2, comma 18, L. R. 30/2007 , a decorrere dall'entrata in vigore del Regolamento di cui all'articolo 40, comma 4 della L.R. 6/2006.
27Comma 11 abrogato da art. 2, comma 18, L. R. 30/2007 , a decorrere dall'entrata in vigore del Regolamento di cui all'articolo 40, comma 4 della L.R. 6/2006.
28Comma 12 abrogato da art. 2, comma 18, L. R. 30/2007 , a decorrere dall'entrata in vigore del Regolamento di cui all'articolo 40, comma 4 della L.R. 6/2006.
29Comma 13 abrogato da art. 2, comma 18, L. R. 30/2007 , a decorrere dall'entrata in vigore del Regolamento di cui all'articolo 40, comma 4 della L.R. 6/2006.
30Comma 14 abrogato da art. 2, comma 18, L. R. 30/2007 , a decorrere dall'entrata in vigore del Regolamento di cui all'articolo 40, comma 4 della L.R. 6/2006.
31Comma 15 abrogato da art. 2, comma 18, L. R. 30/2007 , a decorrere dall'entrata in vigore del Regolamento di cui all'articolo 40, comma 4 della L.R. 6/2006.
32Il Regolamento di cui all'art. 40, comma 4, L.R. 6/2006, è stato emanato con DPReg. 0271/Pres. dd. 1 ottobre 2009 (B.U.R. 14/10/2009, n. 41).
33Vedi anche quanto disposto dall'art. 9, comma 7, L. R. 24/2009
34Parole aggiunte al comma 1 da art. 8, comma 10, L. R. 11/2011
35Comma 5 bis aggiunto da art. 8, comma 11, L. R. 11/2011
36Comma 5 bis sostituito da art. 8, comma 1, L. R. 15/2014
37Comma 1 abrogato da art. 50, comma 4 ter, L. R. 17/2014 , con effetto dalla data di avvio del nuovo sistema di finanzamento come stabilito all'art. 50, c. 4 bis, L.R. 17/2014, introdotto dall'art. 9, c. 47, L.R. 31/2017.
38Comma 2 abrogato da art. 50, comma 4 ter, L. R. 17/2014 , con effetto dalla data di avvio del nuovo sistema di finanzamento come stabilito all'art. 50, c. 4 bis, L.R. 17/2014, introdotto dall'art. 9, c. 47, L.R. 31/2017.
39Comma 3 abrogato da art. 50, comma 4 ter, L. R. 17/2014 , con effetto dalla data di avvio del nuovo sistema di finanzamento come stabilito all'art. 50, c. 4 bis, L.R. 17/2014, introdotto dall'art. 9, c. 47, L.R. 31/2017.
40Comma 4 abrogato da art. 50, comma 4 ter, L. R. 17/2014 , con effetto dalla data di avvio del nuovo sistema di finanzamento come stabilito all'art. 50, c. 4 bis, L.R. 17/2014, introdotto dall'art. 9, c. 47, L.R. 31/2017.
41Comma 5 abrogato da art. 50, comma 4 ter, L. R. 17/2014 , con effetto dalla data di avvio del nuovo sistema di finanzamento come stabilito all'art. 50, c. 4 bis, L.R. 17/2014, introdotto dall'art. 9, c. 47, L.R. 31/2017.
42Comma 5 bis abrogato da art. 50, comma 4 ter, L. R. 17/2014 , con effetto dalla data di avvio del nuovo sistema di finanzamento come stabilito all'art. 50, c. 4 bis, L.R. 17/2014, introdotto dall'art. 9, c. 47, L.R. 31/2017.
43Comma 1 sostituito da art. 9, comma 19, L. R. 20/2018
44Comma 1 abrogato da art. 65, comma 7, L. R. 22/2019 , a decorrere dalla data di avvio del nuovo sistema di finanziamento di cui all'art. 65, c. 6 della medesima L.R. 22/2019.
45Comma 2 abrogato da art. 65, comma 7, L. R. 22/2019 , a decorrere dalla data di avvio del nuovo sistema di finanziamento di cui all'art. 65, c. 6 della medesima L.R. 22/2019.
46Comma 3 abrogato da art. 65, comma 7, L. R. 22/2019 , a decorrere dalla data di avvio del nuovo sistema di finanziamento di cui all'art. 65, c. 6 della medesima L.R. 22/2019.
47Comma 4 abrogato da art. 65, comma 7, L. R. 22/2019 , a decorrere dalla data di avvio del nuovo sistema di finanziamento di cui all'art. 65, c. 6 della medesima L.R. 22/2019.
48Comma 5 abrogato da art. 65, comma 7, L. R. 22/2019 , a decorrere dalla data di avvio del nuovo sistema di finanziamento di cui all'art. 65, c. 6 della medesima L.R. 22/2019.
49Comma 5 bis abrogato da art. 65, comma 7, L. R. 22/2019 , a decorrere dalla data di avvio del nuovo sistema di finanziamento di cui all'art. 65, c. 6 della medesima L.R. 22/2019.
50Rubrica dell'articolo modificata da art. 9, comma 1, lettera a), L. R. 26/2020 , con effetto dall'1/1/2021.
51Parole aggiunte al comma 2 da art. 9, comma 1, lettera b), L. R. 26/2020 , con effetto dall'1/1/2021.
52Comma 5 sostituito da art. 9, comma 1, lettera c), L. R. 26/2020 , con effetto dall'1/1/2021.
Art. 14
 (Interventi nel settore dell'istruzione,
della cultura e delle attività ricreative e sportive)
3. Per le finalità previste dal comma 1 è autorizzata la spesa complessiva di lire 300 milioni, suddivisa in ragione di lire 100 milioni per ciascuno degli anni dal 1997 al 1999, a carico del capitolo 5224 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
6. Per le finalità previste dal comma 4 è autorizzata la spesa complessiva di lire 450 milioni suddivisa in ragione di lire 150 milioni per ciascuno degli anni dal 1997 al 1999 a carico del capitolo 5344 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
7. Ai sensi dell'articolo 2, primo comma, della legge regionale 10/1982, il precitato capitolo 5344 viene inserito nell'elenco n. 1 allegato ai bilanci predetti.
8. Per le finalità previste dall'articolo 19, comma 2, lettera d) della legge regionale 22 marzo 1996, n. 15 è autorizzata la spesa complessiva di lire 450 milioni, suddivisa in ragione di lire 150 milioni per ciascuno degli anni dal 1997 al 1999 a carico del capitolo 5439 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
9. Ai sensi dell'articolo 2, primo comma, della legge regionale 10/1982, il precitato capitolo 5439 è inserito nell'elenco n. 1 allegato ai bilanci predetti.
10. L' Amministrazione regionale è autorizzata a concedere alla Fondazione musicale "Città di Gorizia" un finanziamento straordinario di lire 100 milioni per far fronte alle spese di gestione e per l'attuazione dell'attività istituzionale.
11. La domanda per la concessione del finanziamento di cui al comma 10, corredata del bilancio al 31 dicembre 1996, debitamente approvato dal Consiglio di Amministrazione, nonché della relazione del Collegio dei revisori dei conti e della relazione del Presidente, sull'andamento della gestione, deve essere presentata alla Direzione regionale dell'istruzione e della cultura entro trenta giorni dall'entrata in vigore della presente legge.
12. Per le finalità previste dal comma 10 è autorizzata la spesa di lire 100 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 5087 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio 1997.
Note:
1Comma 4 sostituito da art. 17, comma 11, L. R. 3/1998 , con effetto, ex articolo 33 della medesima legge, dall' 1 gennaio 1998.
2Comma 5 abrogato da art. 17, comma 11, L. R. 3/1998 , con effetto, ex articolo 33 della medesima legge, dall' 1 gennaio 1998.
3Comma 4 abrogato da art. 6, comma 20, L. R. 4/1999
4Comma 1 abrogato da art. 5, comma 12, L. R. 2/2000
5Comma 2 abrogato da art. 5, comma 12, L. R. 2/2000
6Parole aggiunte al comma 13 da art. 8, comma 4, L. R. 13/2000
7Comma 15 sostituito da art. 8, comma 5, L. R. 13/2000
8Comma 13 abrogato da art. 33, comma 1, L. R. 8/2003 , a decorrere dall'1 gennaio 2004, come previsto dall'art. 34 della L.R. 8/2003.
9Comma 14 abrogato da art. 33, comma 1, L. R. 8/2003 , a decorrere dall'1 gennaio 2004, come previsto dall'art. 34 della L.R. 8/2003.
10Comma 15 abrogato da art. 33, comma 1, L. R. 8/2003 , a decorrere dall'1 gennaio 2004, come previsto dall'art. 34 della L.R. 8/2003.
11Comma 16 abrogato da art. 33, comma 1, L. R. 8/2003 , a decorrere dall'1 gennaio 2004, come previsto dall'art. 34 della L.R. 8/2003.
12Comma 17 abrogato da art. 33, comma 1, L. R. 8/2003 , a decorrere dall'1 gennaio 2004, come previsto dall'art. 34 della L.R. 8/2003.
ART. 15

( ABROGATO )

Note:
1Comma 3 abrogato da art. 6, comma 80, L. R. 4/2001
2Articolo abrogato da art. 5, comma 13, L. R. 23/2001
Art. 16
 (Attuazione di programmi comunitari)
1. L' Amministrazione regionale è autorizzata a proseguire nell'attuazione del Documento unico di programmazione (DOCUP) per gli interventi strutturali comunitari nelle zone del Friuli-Venezia Giulia interessate dall'obiettivo 2 di cui all'articolo 1 della legge regionale 28 agosto 1995, n. 35, relativamente ai fondi del piano finanziario 1994-1996 riprogrammati per la fase 1997-1999, in base alla decisione della Commissione della Comunità europea C(96)4171/2 del 18 dicembre 1996 sulla base delle determinazioni del Comitato di sorveglianza del 25 ottobre 1996.
3. Per le finalità previste dal comma 1 è autorizzata la spesa complessiva di lire 62.734 milioni come di seguito specificato:
a) a titolo di cofinanziamento regionale ai sensi dell'articolo 4, comma 1, lettera c), della legge regionale 35/1995 la spesa complessiva di lire 12.362 milioni per l'anno 1997, suddivisa in ragione di lire 9.800 milioni quale cofinanziamento degli interventi sostenuti dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FERS) e di lire 2.562 milioni quale cofinanziamento degli interventi sostenuti dal Fondo Sociale Europeo (FSE), a carico dei capitoli 7743 e rispettivamente 7744 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997;
b) in relazione alle assegnazioni all'uopo disposte dalla Unione Europea ai sensi dell'articolo 4, comma 1, lettera a), della legge regionale 35/1995 la spesa complessiva di lire 19.800 milioni per l'anno 1997, suddivisa in ragione di lire 10.880 milioni a valere sul FERS e di lire 8.920 milioni a valere sul FSE, a carico dei capitoli 7747 e rispettivamente 7748 dello stato di previsione della spesa dei bilanci predetti;
c) in relazione alle assegnazioni all'uopo disposte dallo Stato ai sensi dell'articolo 4, comma 1, lettera b), della legge regionale 35/1995 la spesa complessiva di lire 30.572 milioni per l'anno 1997 a valere sul fondo di rotazione di cui all'articolo 5 della legge 16 aprile 1987, n. 183, suddivisa in ragione di lire 22.900 milioni quale cofinanziamento degli interventi sostenuti dal FERS e di lire 7.672 milioni quale cofinanziamento degli interventi sostenuti dal FSE a carico dei capitoli 7745 e rispettivamente 7746 dello stato di previsione della spesa dei bilanci predetti.
4. Corrispondentemente alla spesa di cui al comma 3, lettera b), sui capitoli 224 e 225 dello stato di previsione dell'entrata dei bilanci predetti è prevista l'entrata di pari importo assegnata dalla Unione Europea a valere sul FERS e rispettivamente sul FSE per le finalità di cui al comma 1.
5. Corrispondentemente alla spesa di cui al comma 3, lettera c), sui capitoli 222 e 223 dello stato di previsione dell'entrata dei bilanci predetti è prevista l'entrata di pari importo assegnata dallo Stato a titolo di cofinanziamento del FERS e rispettivamente del FSE per le finalità di cui al comma 1.
6. In relazione al disposto di cui al comma 3, lettera a), relativamente al cofinanziamento degli interventi sostenuti dal FERS e dal FSE, gli impegni assunti a carico dei capitoli 7750 e 7749 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1996-1998 e del bilancio per l'anno 1996 sono pagati, nella misura di lire 9.800 milioni e rispettivamente di lire 2.562 milioni, con commutazione in entrata sui capitoli 1086 e rispettivamente 1085 dello stato di previsione dell'entrata del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
7. Nell'ambito delle finalità previste dall'articolo 5, comma 3, della legge regionale 26 luglio 1996, n. 26, l'Amministrazione regionale è autorizzata a dare attuazione, secondo quanto disposto dalla delibera della Giunta regionale n. 6275 del 12 dicembre 1995, al progetto comunitario MORE. (Mobile Rescue Phone) per la sperimentazione nel territorio montano di modalità di assistenza e supporto agli inabili ed agli anziani mediante l'utilizzo di una specifica apparecchiatura telefonica mobile, finanziato nell'ambito del programma comunitario "Applicazioni Telematiche - Settore Telematica per l'Integrazione dei Disabili e degli Anziani (TIDE)" promosso per gli anni 1994-1998 dalla decisione del Consiglio europeo 94/801/CE del 23 novembre 1994.
8. Per le finalità previste dal comma 7, sul capitolo 1059 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997, è iscritto lo stanziamento complessivo di lire 241 milioni, suddiviso in ragione di lire 138 milioni per l'anno 1997 e di lire 103 milioni per l'anno 1998.
9. Corrispondentemente sul capitolo 218 dello stato di previsione dell'entrata del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997 è prevista l'entrata di pari importo assegnata dalla Unione europea ai sensi della Decisione del Consiglio europeo 94/801/CE del 23 novembre 1994.
11. Per le finalità previste dal comma 10 sul capitolo 2817 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l' anno 1997 è iscritto lo stanziamento complessivo di lire 3.997.225.000, suddiviso in ragione di lire 1.862.105.000 per l' anno 1997 e di lire 1.067.560.000 per ciascuno degli anni 1998 e 1999.
13. Al fine di consentire il finanziamento delle iniziative previste dalla misura 1.4 "Riassetto fondiario" del Documento unico di programmazione (Docup) a titolo dell'Obiettivo 5b, di cui alla decisione della Commissione europea n. C (95) 95 del 20 gennaio 1995, nella misura massima dell'80 per cento indicata dal Docup e stabilita dalla delibera della Giunta regionale n. 6169 del 12 dicembre 1995, l'ERSA è autorizzato a erogare ai beneficiari l'integrazione necessaria alla copertura del suddetto contributo con fondi aggiuntivi rispetto a quelli previsti dal piano finanziario del Docup stesso.
14. Per le finalità previste dal comma 13 l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere all'ERSA un finanziamento straordinario di lire 378 milioni nell'esercizio finanziario 1997, a copertura del fabbisogno relativo alle iniziative ammesse per il triennio 1994-1996. A tal fine è autorizzata la spesa di lire 378 milioni per l'anno 1997 a carico dei capitolo 7017 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
16. Nell'ambito delle finalità previste dall'articolo 11, commi 1 e 2 della legge regionale 31 gennaio 1989, n. 6, l'Amministrazione regionale riconosce un preminente interesse alla partecipazione a programmi finanziati dalla Unione Europea, ed attuati direttamente dalla Commissione Europea, di enti pubblici e privati senza finalità di lucro, la cui sede legale ed operativa ovvero la cui prevalente organizzazione sia situata sul territorio regionale. A tal fine l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere, limitatamente al triennio 1997- 1999, contributi fino al 30 per cento della spesa a carico di detti enti per la partecipazione a progetti ammessi al finanziamento comunitario.
17. Le domande per la concessione dei contributi sono presentate alla Direzione regionale degli affari comunitari e dei rapporti esterni. I criteri di ammissibilità e le modalità di concessione dei contributi di cui al comma 16 sono stabiliti mediante apposito regolamento di esecuzione emanato dal Presidente della Giunta regionale su conforme deliberazione della Giunta medesima entro sessanta giorni dall'entrata in vigore della presente legge. L'erogazione avviene contestualmente al decreto di concessione del contributo, in via anticipata, in un'unica soluzione, previa presentazione dell'atto legalmente impegnativo di conferma del finanziamento del progetto da parte della Commissione Europea. È fatto obbligo agli enti ammessi al finanziamento di presentare copia legalmente certificata dei rendiconti delle spese sostenute per l'esecuzione del progetto, richiesti ed accettati dalla Commissione Europea.
18. Per le finalità previste dal comma 16 è autorizzata la spesa complessiva di lire 600 milioni suddivisa in ragione di lire 200 milioni per ciascuno degli anni dal 1997 al 1999 a carico del capitolo 743 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
21. In corrispondenza alle spese di cui alle lettere a) e b) del comma 20 sono previste entrate di pari importo, assegnate dallo Stato e dall'Unione Europea per le finalità di cui al comma 19, sui capitoli 226 e 227 dello stato di previsione dell'entrata dei citati bilanci.
Note:
1Comma 2 abrogato da art. 14, comma 14, L. R. 3/1998 , con effetto, ex articolo 33 della medesima legge, dall' 1 gennaio 1998.
Art. 17
 (Altre norme finanziarie)
1. A decorrere dall'anno 1997 gli oneri derivanti dall'applicazione dell'articolo 7 della legge regionale 20 febbraio 1995, n. 12, fanno carico al capitolo 404 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997 ed ai corrispondenti capitoli di bilancio per gli anni successivi.
3. Per l' espletamento delle funzioni di cui all'articolo 21 della legge regionale 24 giugno 1993, n. 49, è autorizzata la spesa complessiva di lire 600 milioni, suddivisa in ragione di lire 200 milioni per ciascuno degli anni dal 1997 al 1999, a carico del capitolo 4741 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
4. Nell'ambito del processo di riorganizzazione e ristrutturazione delle sedi degli uffici regionali, l'Amministrazione regionale è autorizzata a sostenere le spese necessarie per la ristrutturazione, il completamento e l'ampliamento della sede del Consiglio regionale ivi compresi gli oneri per la recinzione e la sistemazione dell'annesso parcheggio.
5. Per le finalità previste dal comma 4 è autorizzata la spesa complessiva di lire 5.700 milioni, suddivisi in ragione di lire 2.700 milioni per l'anno 1997 e lire 1.500 milioni per ciascuno degli anni 1998 e 1999, a carico del capitolo 1155 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
6. Conseguentemente alla prevista successione della Regione nei rapporti giuridici passivi dei Consorzi soppressi ai sensi della legge regionale 25 maggio 1993, n. 26, per gli oneri relativi all'applicazione dell'articolo 4, comma 1, della legge regionale 26/1993, come modificato dall'articolo 4 della legge regionale 24 gennaio 1997, n. 6 in relazione all'obbligo di corresponsione di trattamenti pensionistici ai sensi del contratto collettivo nazionale di lavoro dei dirigenti dei Consorzi, è autorizzata la spesa complessiva di lire 120 milioni, suddivisa in ragione di lire 40 milioni per ciascuno degli anni dal 1997 al 1999 a carico del capitolo 577 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
7. Conseguentemente alla prevista successione della Regione nei rapporti giuridici passivi dei Consorzi soppressi ai sensi della legge regionale 25 maggio 1993, n. 26, gli eventuali oneri relativi all'applicazione dell'articolo 4, comma 1, della legge regionale 26/1993, come modificato dall'articolo 4 della legge regionale 6/1997, in relazione all'esito di liti, fanno carico al capitolo 2890 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
11. In relazione al disposto di cui agli articoli 5 e 10 della legge regionale 3 settembre 1996, n. 38, ed al comma 10, l'articolo 71 della legge regionale 9/1996, relativamente al finanziamento delle spese ivi previste a carico del capitolo 1410, resta in vigore nell'anno 1997 limitatamente agli eventuali conguagli relativi alle spese di gestione pregresse.
12. Per le finalità previste dal comma 10 è autorizzata la spesa complessiva di lire 5.250 milioni, suddivisa in ragione di lire 1.750 milioni per l'anno 1997, di lire 2.000 milioni per l'anno 1998 e di lire 1.500 milioni per l'anno 1999 a carico del capitolo 1411 del precitato stato di previsione della spesa.
13. In relazione al disposto di cui ai commi 10 e 11 la spesa autorizzata dall'articolo 71, comma 2, della legge regionale 9/1996, è ridotta di complessive lire 3.750 milioni, suddivisi in ragione di lire 1.750 milioni per l'anno 1997 e lire 2.000 milioni per l'anno 1998, fermo restando il residuo onere a carico del capitolo 1410 del precitato stato di previsione della spesa.
14. In conformità agli obiettivi del Piano regionale della viabilità ed al fine di contenere gli effetti del traffico stradale di automezzi pesanti sull'ambiente e sulle strutture, l'Amministrazione regionale è autorizzata a rimborsare, anche in concorso con le amministrazioni comunali interessate, alle società concessionarie di autostrade nel territorio regionale gli oneri conseguenti alle liberalizzazioni tariffarie di tratti autostradali, disposte per garantire l'alleggerimento del traffico stradale per il periodo dall'1 gennaio al 31 dicembre 1997.
15. Per le finalità previste dal comma 14 l'Amministrazione regionale stipula una convenzione con le società concessionarie, nella quale sono fissati i termini e le modalità del rimborso, che è comunque erogato in via posticipata sulla base delle ricevute attestanti il costo dei rimborsi.
17. Per le finalità previste dai commi 14 e 16 è autorizzata la spesa di lire 700 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 3659 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
19. La Direzione regionale della protezione civile, in via eccezionale, applicando le speciali procedure stabilite dall'articolo 9 della legge regionale 64/1986, provvede alla realizzazione degli interventi necessari al fine del superamento della situazione di cui al comma 18, previo accordo con gli Enti interessati.
20. Per l'effettuazione degli interventi di cui al comma 19, la Direzione regionale della protezione civile si avvale della collaborazione tecnica della Direzione regionale della viabilità e trasporti e dell'opera di un tecnico geometra disegnatore da assegnarsi con la procedura del distacco.
21. Per le finalità previste dal comma 18 è destinata la spesa di lire 1.300 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 4150 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
22. Gli oneri derivanti dall'applicazione del comma 2 bis dell'articolo 5 della legge regionale 28 ottobre 1980, n. 52, come inserito dall'articolo 15 della legge regionale 26 agosto 1996, n. 35, fanno carico ai capitoli 550, 8800 e 8801 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997 ed ai corrispondenti capitoli di bilancio per gli anni successivi.
25. A decorrere dall'1 gennaio 1997 il capitolo 8080 dello stato di previsione della spesa dei bilanci precitati è eliminato dall'elenco n. 1 annesso al bilancio.
26. Per le finalità di cui al comma 12 dell'articolo 63 della legge regionale 6 febbraio 1996, n. 9, l'Amministrazione regionale è autorizzata a prestare garanzie fideiussorie - ad integrazione dell'importo di lire 1.200 milioni autorizzato con il comma 12 dell'articolo 63 medesimo - per ulteriori lire 400 milioni.
27. Gli eventuali oneri derivanti dalla concessione delle ulteriori garanzie previste al comma 26 fanno carico al capitolo 1212 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
28. L' Amministrazione regionale è autorizzata a promuovere e sostenere le iniziative relative ai campionati mondiali di biathlon di Forni Avoltri. A tal fine, è autorizzata la concessione di un finanziamento straordinario di lire 100 milioni all'Azienda di promozione turistica della Carnia centrale per l'attuazione del progetto specifico di promozione dei campionati medesimi, e di un contributo straordinario, sino alla misura massima di 150 milioni, al Comitato organizzatore dei campionati per le spese sostenute e relative al funzionamento, all'organizzazione ed all'attività.
30. Per le finalità previste dal comma 28 è autorizzata la spesa di lire 250 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 8380 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
32. Il finanziamento di cui al comma 31 è condizionato alla stipula di apposita convenzione fra l'Amministrazione regionale e l'ENAIP Friuli-Venezia Giulia.
33. Il finanziamento di cui al comma 31 può essere concesso ed erogato in via anticipata nel limite dell'80 per cento dello stesso, una volta stipulata la convenzione di cui al comma 32, previa presentazione alla Direzione regionale del commercio e del turismo di una relazione tecnico-illustrativa e di un preventivo sommario di spesa.
34. Per le finalità di cui al comma 31 è autorizzata la spesa di lire 50 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 8385 dello stato di previsione della spesa e del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
35. È rinnovata la dichiarazione di pubblica utilità delle opere di cui alla legge regionale 24 gennaio 1983, n. 11, già di competenza della Direzione regionale delle foreste e parchi ed attualmente di competenza dell'Azienda dei parchi e delle foreste regionali ai sensi dell' articolo 139 bis, comma 1, lettera c), della legge regionale 7/88 come inserita dall' articolo 65 della legge regionale 42/96, il cui procedimento di espropriazione alla data dell' 1 gennaio 1997 non sia stato concluso col negozio di cessione volontaria del bene o con l' emissione del decreto di espropriazione. È fatta salva l'efficacia di tutti gli atti pregressi dei procedimenti di espropriazione.
36. I procedimenti di cui al comma 35 devono essere conclusi entro il termine di cinque anni a decorrere dall'1 gennaio 1997.
37. In relazione al disposto di cui al comma 35, per il completamento degli interventi ivi richiamati, è autorizzata la spesa di lire 318 milioni per l'anno 1997 a carico del capitolo 3135 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
38. Al fine di assicurare l'equilibrio finanziario nella gestione del Consorzio di bonifica Ledra Tagliamento, l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere allo stesso un contributo straordinario di lire 2.000 milioni suddiviso in ragione di lire 1.000 milioni per ciascuno degli anni 1997 e 1998.
39. Per le finalità previste dal comma 38, è autorizzata la spesa complessiva di lire 2.000 milioni, suddivisa in ragione di lire 1.000 milioni per ciascuno degli anni 1997 e 1998 a carico del capitolo 6767 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997.
40. Ai sensi dell'articolo 2, primo comma, della legge regionale 20 gennaio 1982, n. 10, i capitoli 573, 4741, 5227, 5330, 5331, 5440, 6766 e 7392 dello stato di previsione del bilancio pluriennale per gli anni 1997-1999 e del bilancio per l'anno 1997 sono inseriti nell'elenco n. 1 annesso al bilancio.
Note:
1Integrata la disciplina del comma 7 da art. 19, comma 6, L. R. 3/1998 , con effetto, ex articolo 33 della medesima legge, dall' 1 gennaio 1998.
2Comma 2 abrogato da art. 6, comma 2, L. R. 6/2004
3Comma 23 abrogato da art. 38, comma 1, L. R. 27/2007
4Comma 24 abrogato da art. 38, comma 1, L. R. 27/2007
5Comma 16 abrogato da art. 1, comma 1, L. R. 11/2010
6Comma 8 abrogato da art. 30, comma 1, lettera jj), L. R. 10/2012
7Comma 9 abrogato da art. 30, comma 1, lettera jj), L. R. 10/2012
Art. 18
 (Altre norme contabili)
1. Nel testo dell'articolo 8, comma 1, lettera a), della legge regionale 20 dicembre 1976, n. 65, le parole << nella misura del 75 per cento >> sono sostituite con le parole << fino al 75 per cento >>.
3. Al comma 7 dell'articolo 31 della legge regionale 14 agosto 1987, n. 22, dopo le parole << zona interscambio merci >> sono aggiunte le seguenti: << o volti ad altri interventi di potenziamento del porto >>.
4. All'articolo 57, comma 2, della legge regionale 26 settembre 1995, n. 39, le parole: << alla Provincia di Trieste, per l'attività della <<IMO - International Maritime Academy>> di Trieste prevista dall'Accordo >> sono sostituite dalle seguenti: << al Consorzio universitario <<IMO - International Maritime Academy>> di Trieste, costituito in base all'accordo >>.
6. In deroga a quanto disposto con l'articolo 14, comma 3, della legge regionale 7 febbraio 1990, n. 3, i residui passivi relativi alle somme trasferite ai sensi dell'articolo 8 della legge regionale 1 febbraio 1993, n. 1, ed impegnate ai sensi del comma 2 del citato articolo 14, possono venire conservati in conto residui per i quattro anni successivi a quello cui l'impegno si riferisce.
10. Per i rapporti di cui al comma 9, al nuovo soggetto come sopra costituito continuano ad applicarsi le medesime procedure di spesa già previste per il disciolto Consorzio.
11. Al fine di garantire, in ogni caso, il puntuale pagamento delle rate di ammortamento dei mutui stipulati dall'Amministrazione regionale ai sensi degli articoli 4, comma 10, 5, comma 7, e 6, comma 1, del decreto legge 12 novembre 1996, n. 576, convertito nella legge 31 dicembre 1996, n. 677, l'Amministrazione regionale medesima è autorizzata a rilasciare all'istituto tesoriere apposita delegazione di pagamento a valere sulle quote fisse dei tributi erariali devolute alla Regione ai sensi dell'articolo 49 dello Statuto di autonomia, approvato con legge costituzionale 31 gennaio 1963, n. 1, così come da ultimo modificato dall'articolo 1, comma 146, della legge 23 dicembre 1996, n. 662.
Note:
1Comma 12 abrogato da art. 2, comma 4, L. R. 4/1999
2Comma 2 abrogato da art. 33, comma 1, L. R. 8/2003 , a decorrere dall'1 gennaio 2004, come previsto dall'art. 34 della L.R. 8/2003.
3Comma 1 abrogato da art. 104, comma 1, L. R. 9/2007 . La disciplina continua a trovare applicazione sino al verificarsi di quanto disposto dall'articolo 98, comma 2, della medesima L.R. 9/2007.
4Comma 8 abrogato da art. 104, comma 1, L. R. 9/2007
5Comma 1 vigente, in quanto modificante dell'art. 8, L.R. 65/1976, nelle more dell'applicazione del regolamento attuativo di cui all'art. 29, comma 1 bis, L.R. 9/2007, per effetto di quanto disposto dall'art. 3, comma 5, L.R. 11/2011.
6Comma 5 abrogato da art. 56, comma 1, lettera ww), L. R. 13/2018 , a decorrere dall'1/1/2019.
7Lettera a) del comma 7 abrogata da art. 64, comma 1, lettera g), L. R. 20/2021
8Lettera b) del comma 7 abrogata da art. 64, comma 1, lettera g), L. R. 20/2021
9Lettera c) del comma 7 abrogata da art. 64, comma 1, lettera g), L. R. 20/2021
Art. 19

( ABROGATO )

Note:
1Articolo abrogato da art. 75, comma 1, L. R. 7/2000
ART. 20
 (RIFINANZIAMENTI NEL SETTORE DEL TERRITORIO)
1. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2022
SPESE E COMPENSI PER STUDI, RICERCHE, RILIEVI E STRUMENTAZIONE TECNICA PER LA FORMAZIONE, CONSERVAZIONE, AGGIORNAMENTO E DIFFUSIONE DELLA CARTA TECNICA AEROFOTOGRAMMETRICA E DELLA CARTOGRAFIA A PICCOLA SCALA, NONCHÉ DELLE RELATIVE CARTOGRAFIE TEMATICHE DEL TERRITORIO REGIONALE ART. 104 , COMMA 1, LETTERE A) , C), LR 1.3.1988 N. 7 COME SOSTITUITO DALL' ART. 2 LR 27.12.1991 N. 63 , ART. 4 ,COMMA 1, LETTERA D), LR 27.12.1991 N. 63
19971.803.800.000
1998--
19991.000.000.000
TOTALE2.803.800.000


2. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2030
CONTRIBUTI A COMUNI, COMUNITÀ MONTANE, PROVINCE E LORO CONSORZI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI DI CARTOGRAFIA DI INTERESSE REGIONALE
ART. 7 LR 27.12.1991 N. 63
1997100.000.000
1998100.000.000
1999100.000.000
TOTALE300.000.000


3. È RIDOTTA A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 13, COMMA 7, LR 6.2.1996 N. 9
CAPITOLO 2220
SPESE PER LA PREDISPOSIZIONE E LA REDAZIONE DELLA CARTOGRAFIA GEOLOGICO-TECNICA E GEOLOGICO-FORMAZIONALE DEL TERRITORIO REGIONALE ART. 14 BIS LR 9.5.1988 N. 27 COME INSERITO DA ART. 9 LR 4.5.1992 N. 15
1997--
1998-500.000.000
1999--
TOTALE-500.000.000


4. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2220
SPESE PER LA PREDISPOSIZIONE E LA REDAZIONE DELLA CARTOGRAFIA GEOLOGICO-TECNICA E GEOLOGICO-FORMAZIONALE DEL TERRITORIO REGIONALE ART. 14 BIS LR 9.5.1988 N. 27 COME INSERITO DA ART. 9 LR 4.5.1992 N. 15
1997--
1998--
19991.500.000.000
TOTALE1.500.000.000


5. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2272
SPESE PER IL CONTENIMENTO DEGLI EFFETTI DEI FENOMENI DI EUTROFIZZAZIONE DEL MARE ADRIATICO ART. 1 LR 28.8.1989 N. 22 COME INTEGRATO DALL' ART. 1 LR 26.4.1990 N. 18
1997--
1998100.000.000
1999100.000.000
TOTALE200.000.000


6. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2291
SPESE PER LA PREDISPOSIZIONE E LA STESURA DEL PIANO REGIONALE DELLE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO E DEI PIANI PROVVISORI DI INDIVIDUAZIONE DELLE AREE DI SALVAGUARDIA ARTT. 3 , 7 LR 18.7.1991 N. 28
199750.000.000
1998--
1999--
TOTALE50.000.000


7. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2293
SPESE PER L' AGGIORNAMENTO DEL PIANO REGOLATORE GENERALE DEGLI ACQUEDOTTI
ART. 13 LR 18.7.1991 N. 28
1997200.000.000
1998--
1999--
TOTALE200.000.000


8. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2336
CONTRIBUTI STRAORDINARI A COMUNI E LORO CONSORZI PER LA REALIZZAZIONE, IL POTENZIAMENTO ED IL COMPLETAMENTO DI IMPIANTI DI DEPURAZIONE E RETI FOGNARIE INTERESSANTI LE AREE COSTIERE
ART. 1 LR 4.9.1990 N. 40
1997--
1998--
19992.000.000.000
TOTALE2.000.000.000


9. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2370
CONTRIBUTO STRAORDINARIO AL COMUNE DI RAVASCLETTO PER INTERVENTI DI RISANAMENTO ACQUEDOTTISTICO COMUNALE ART. 33 , COMMA 1 , LR 14.2.1995 N. 8
1997500.000.000
1998--
1999--
TOTALE500.000.000


10. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2410
SPESE PER L' ATTUAZIONE DEL PIANO DI PROTEZIONE DELL' AMBIENTE, DI DECONTAMINAZIONE, DI SMALTIMENTO E DI BONIFICA, AI FINI DELLA DIFESA DAI PERICOLI DERIVANTI DALL' AMIANTO - FONDI REGIONALI
LR 3.9.1996 N. 39
199751.000.000
1998--
1999--
TOTALE51.000.000


11. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2421
CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER LA REALIZZAZIONE, L' AMPLIAMENTO, IL COMPLETAMENTO, LA RISTRUTTURAZIONE E L' ADEGUAMENTO DI IMPIANTI PER LO SMALTIMENTO O IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI, IVI COMPRESE LE SPESE PER L' ACQUISTO DI AUTOMEZZI E ATTREZZATURE PER LA RACCOLTA ANCHE DIFFERENZIATA E IL TRASPORTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI, LA REALIZZAZIONE DI PIATTAFORME E IMPIANTI DI COMPOSTAGGIO, LA PREDISPOSIZIONE DI AREE ATTREZZATE PER LO STOCCAGGIO PROVVISORIO DI RIFIUTI INGOMBRANTI
ART. 31 , COMMA 1 , LR 7.9.1987 N. 30 , ART. 31 , COMMA 2 , LR 7.9.1987 N. 30 COME DA ULTIMO SOSTITUITO DALL' ART. 23 , COMMA 1 , LR 14.6.1996 N. 22 , ART. 1 , COMMA 3, LETTERA B), LR 2.5.1988 N. 25
1997--
1998--
199911.000.000.000
TOTALE11.000.000.000


12. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2423
SPESE PER LA PREDISPOSIZIONE E DIFFUSIONE DEL PIANO REGIONALE PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI ART. 5 , COMMA 1, LETTERA A), LR 7.9.1987 N. 30 COME DA ULTIMO MODIFICATO DALL' ARTICOLO 5 LR 14.6.1996 N. 22 , ART. 19 , COMMA 1 , LR 8.8.1996 N. 29
1997200.000.000
1998--
1999--
TOTALE200.000.000


13. È RIDOTTA A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 14, COMMA 8, LR 6.2.1996 N. 9
CAPITOLO 2451
CONTRIBUTI UNA TANTUM A FAVORE DI COMUNI, SINGOLI O ASSOCIATI, PER IL RECUPERO DI AREE DEGRADATE DA ATTIVITÀ DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI O ESTRATTIVE ARTT. 3 , 4 LR 4.9.1991 N. 42
1997--
1998-2.000.000.000
1999--
TOTALE-2.000.000.000


14. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2451
CONTRIBUTI UNA TANTUM A FAVORE DI COMUNI, SINGOLI O ASSOCIATI, PER IL RECUPERO DI AREE DEGRADATE DA ATTIVITÀ DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI O ESTRATTIVE ARTT. 3 , 4 LR 4.9.1991 N. 42
19972.400.000.000
1998--
19992.000.000.000
TOTALE4.400.000.000


15. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2455
CONTRIBUTI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI PER LA BONIFICA DI AREE A DESTINAZIONE INDUSTRIALE DI LORO PERTINENZA ART. 38 LR 20.1.1992 N. 2
1997--
1998250.000.000
1999250.000.000
TOTALE500.000.000


18. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2501
SPESE PER LA REALIZZAZIONE E LA MANUTENZIONE DI OPERE IDRAULICHE E DI OPERE DI SISTEMAZIONE IDROGEOLOGICA DI COMPETENZA REGIONALE ART. 40 LR 8.4.1982 N. 22 , ARTT. 6 , 7 , COMMA 1 , LR 17.8.1985 N. 38 , ART. 2 LR 30.12.1985 N. 54
19975.000.000.000
19981.000.000.000
19995.000.000.000
TOTALE11.000.000.000


19. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2710
ONERI DERIVANTI DAL RIPIANO DEI DISAVANZI DI AMMINISTRAZIONE DEI CONSORZI PER GLI UFFICI DI ECONOMIA E BONIFICA MONTANA DELLE PREALPI GIULIE, DELLA CARNIA DEL CANAL DEL FERRO-VAL CANALE E DELLA SEZIONE DI BONIFICA MONTANA DEL CONSORZIO DI BONIFICA CELLINA-MEDUNA RISULTANTI DAI BILANCI DI LIQUIDAZIONE DEI MEDESIMI IVI COMPRESI GLI EVENTUALI ONERI DERIVANTI DALLA DEFINIZIONE DI CONTENZIOSI GRAVANTI SULLA GESTIONE COMMISSARIALE ART. 6 , COMMA 1 , LR 25.5.1993 N. 26 COME DA ULTIMO MODIFICATA DA ART. 7 LR 19.8.1996 N. 31 , ART. 72 , COMMA 1 , LR 6.2.1996 N. 9
1997453.772.000
1998--
1999--
TOTALE453.772.000


20. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2711
SPESE PER IL PAGAMENTO DELL' INDENNITÀ DI CARICA AI COMMISSARI DEI SOPPRESSI CONSORZI PER GLI UFFICI DI ECONOMIA E BONIFICA MONTANA DELLE PREALPI GIULIE E DELLA CARNIA DEL CANAL DEL FERRO-VAL CANALE ART. 3 , COMMA 4 , LR 25.5.1993 N. 26 COME DA ULTIMO MODIFICATA DALL' ART. 7 LR 19.8.1996 N. 31 , ART. 11 , COMMI 3 , 4 , LR 14.2.1995 N. 8
199710.000.000
1998--
1999--
TOTALE10.000.000


21. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2712
FINANZIAMENTO ALLE PROVINCE DI UDINE E PORDENONE PER GLI ONERI RELATIVI AL PERSONALE DEI DISCIOLTI CONSORZI DI BONIFICA MONTANA, IVI TEMPORANEAMENTE TRASFERITO ART. 7 , COMMA 1 , LR 28.4.1994 N. 5 COME MODIFICATO DALL' ART. 12 , COMMA 2 , LR 14.2.1995 N. 8
19973.200.000.000
1998--
1999--
TOTALE3.200.000.000


22. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2755
SPESE PER LA COSTRUZIONE E LA RIPRODUZIONE DELLA CARTOGRAFIA DEL CATASTO DELLE VALANGHE E DELLA CARTA DI LOCALIZZAZIONE DEI PROBABILI RISCHI DA VALANGA ART. 14 LR 20.5.1988 N. 34
1997--
1998--
199920.000.000
TOTALE20.000.000


23. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2800
CONTRIBUTI STRAORDINARI ALLE ASSOCIAZIONI E AI CONSORZI DI COMUNIONI FAMILIARI MONTANE A TITOLO DI CONCORSO NELLE SPESE DI PRIMO IMPIANTO ART. 8 , COMMA 1 , LR 5.1.1996 N. 3
1997250.000.000
1998--
1999--
TOTALE250.000.000


24. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2808
SPESE PER LA MANUTENZIONE E LA RICOSTITUZIONE DEL PATRIMONIO ARBOREO IN ZONE DI PARTICOLARE PREGIO NATURALISTICO ED AMBIENTALE ART. 39 , COMMA 3 , LR 29.1.1985 N. 8
1997--
1998--
1999200.000.000
TOTALE200.000.000


25. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2811
SPESE PER I VIVAI FORESTALI
ART. 1 LR 22.12.1971 N. 59 COME MODIFICATA E INTEGRATA DALLA LR 20.12.1976 N. 65 DALL' ART. 17 LR 12.8.1975 N. 58 E DALL' ART. 57 , COMMA 1 , LR 5.2.1992 N. 4
1997--
1998--
1999200.000.000
TOTALE200.000.000


26. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2812
SPESE PER LA FITOPATOLOGIA FORESTALE ART. 2 LR 22.12.1971 N. 59 , ART. 2 LR 20.12.1976 N. 65 COME INTEGRATO DA ART. 14 LR 8.4.1982 N. 22 E DA ART. 11 , COMMA 1 , LR 19.8.1996 N. 31
1997--
1998--
1999200.000.000
TOTALE200.000.000


27. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2813
SPESE PER LA RICOSTITUZIONE DEI BOSCHI PERCORSI DAL FUOCO E COMPRESI NEL PIANO REGIONALE DI DIFESA DEL PATRIMONIO FORESTALE DAGLI INCENDI ART. 5 LR 18.2.1977 N. 8 COME MODIFICATO DALL' ARTICOLO ART. 3 LR 22.1.1991 N. 3 E DALL' ARTICOLO ART. 1 LR 18.5.1993 N. 22
1997--
1998--
1999400.000.000
TOTALE400.000.000


28. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2870
CONTRIBUTI PER INTERVENTI STRAORDINARI DIRETTI AD INCREMENTARE LA PRODUZIONE LEGNOSA MEDIANTE L' ESECUZIONE DI PIANTAGIONI FORESTALI A RAPIDO ACCRESCIMENTO ART. 3 LR 20.12.1976 N. 65
1997--
1998--
1999300.000.000
TOTALE300.000.000


31. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2936
SPESE PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALE IVI COMPRESE LE OPERE A DIFESA DELLE VALANGHE ART. 9 , COMMI 1 , 2 , LR 8.4.1982 N. 22 , ART. 29 LR 8.4.1982 N. 22 COME MODIFICATO DA ART. 52 LR 24.7.1982 N. 45
19976.000.000.000
19985.000.000.000
199910.000.000.000
TOTALE21.000.000.000


32. È RIDOTTA A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 17, COMMA 5, LR 6.2.1996, N. 9
CAPITOLO 2951
SPESE PER L' ATTUAZIONE DEL CATASTO DELLE OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICO FORESTALE - FONDI REGIONALI ARTT. 5 , 11 LR 8.4.1982 N. 22
1997--
1998-50.000.000
1999--
TOTALE-50.000.000


33. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 2951
SPESE PER L' ATTUAZIONE DEL CATASTO DELLE OPERE DI SISTEMAZIONE IDRAULICO FORESTALE - FONDI REGIONALI ARTT. 5 , 11 LR 8.4.1982 N. 22
1997--
1998--
199950.000.000
TOTALE50.000.000


34. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 3040
SPESE PER L' ATTUAZIONE DEL PIANO REGIONALE DI DIFESA DEL PATRIMONIO FORESTALE DAGLI INCENDI ART. 4 , COMMI 2 , 1 , LR 18.2.1977 N. 8 COME MODIFICATO DALL' ART. 13 ULTIMO COMMA LR 8.4.1982 N. 22 E DALL' ART. 2 LR 22.1.1991 N. 3
1997--
1998--
1999500.000.000
TOTALE500.000.000


35. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 3101
SPESE PER IL PAGAMENTO DELL' INDENNITÀ DI CARICA AL COMMISSARIO LIQUIDATORE ED AI REVISORI DEI CONTI DELL' AZIENDA DELLE FORESTE ART. 78, COMMA 4, LR 30.9.1996 N. 42 E ART. 78, COMMA 9 BIS, LR 30 SETTEMBRE 1996, N. 42 COME AGGIUNTO DALL' ARTICOLO 18, COMMA 7, LETTERA C) DELLA PRESENTE LEGGE.
19974.000.000
1998--
1999--
TOTALE4.000.000


36. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 3123
CONTRIBUTI AI COMUNI PER LE SPESE DI GESTIONE DEI PARCHI COMUNALI ED INTERCOMUNALI ART. 6 , COMMA 6 , LR 30.9.1996 N. 42
1997--
1998--
19991.000.000.000
TOTALE1.000.000.000


37. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 3138
SPESE PER INTERVENTI CONSERVATIVI E DI MANUTENZIONE DEI MONUMENTI NATURALI ART. 4 , COMMA 4 , LR 8.6.1993 N. 35
1997--
1998--
199970.000.000
TOTALE70.000.000


38. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 3139
SPESE PER ACCORDI DI PROGRAMMA, PER I PIANI DI CONSERVAZIONE E SVILUPPO E LA GESTIONE DELLE RISERVE NATURALI REGIONALI, PER L' ACQUISIZIONE DI AREE NATURALI PROTETTE E BIOTOPI ART. 84 , COMMA 1 , LR 30.9.1996 N. 42
1997--
1998750.000.000
19991.500.000.000
TOTALE2.250.000.000


39. È RIDOTTA A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 84, COMMA 18, LR
30.9.1996 N. 42
CAPITOLO 3147
SPESE PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DI BENI IMMOBILI DEL PATRIMONIO REGIONALE ART. 84 , COMMA 18 , LR 30.9.1996 N. 42
1997--
1998-150.000.000
1999--
TOTALE-150.000.000


40. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 3147
SPESE PER LA MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DI BENI IMMOBILI DEL PATRIMONIO REGIONALE ART. 84 , COMMA 18 , LR 30.9.1996 N. 42
1997160.000.000
1998--
1999500.000.000
TOTALE660.000.000


41. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 3148
SPESE PER L' ACQUISTO DI AREE DI INTERESSE FORESTALE ART. 79 , COMMA 2 , LR 30.9.1996 N. 42
19972.000.000.000
1998--
1999--
TOTALE2.000.000.000


42. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 4152
CONFERIMENTO STRAORDINARIO AL "FONDO REGIONALE PER LA PROTEZIONE CIVILE" PER L' ATTUAZIONE O IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO E DI PROTEZIONE AMBIENTALE ART. 21 , COMMA 1 , LR 28.4.1994 N. 5
19975.000.000.000
19985.000.000.000
19995.000.000.000
TOTALE15.000.000.000


43. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 4160
CONTRIBUTI PER IL RIPRISTINO E LA RIPARAZIONE DI EDIFICI PUBBLICI O DI USO PUBBLICO E PRIVATI DESTINATI AD USO ABITATIVO OVVERO AD ATTIVITÀ PRODUTTIVE, CHE RISULTINO DANNEGGIATI A CAUSA DEL VERIFICARSI DI UNA CALAMITÀ NATURALE O DI UNA ECCEZIONALE AVVERSITÀ ATMOSFERICA TITOLO SECONDO LR 28.8.1982 N. 68 , ART. 13 LR 4.5.1992 N. 15
1997150.000.000
1998--
1999--
TOTALE150.000.000


44. È REVOCATO IL LIMITE D' IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 161, COMMA 2, LR 14.2.1995, N. 8 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 4272
CONTRIBUTO PLURIENNALE ALL' ENTE TUTELA PESCA DEL FRIULI -VENEZIA GIULIA A FRONTE DEI MUTUI CONTRATTI PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL LABORATORIO ITTICO CON SEDE IN ARIIS DI RIVIGNANO ART. 124 , COMMA 1 , LR 5.2.1992 N. 4
1997-150.000.000
1998-150.000.000
1999-150.000.000
TOTALE-450.000.000

LIMITE 3 : 1997 - 2005-150.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

45. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI, CON L' ESTENSIONE TEMPORALE E PER L' AMMONTARE ANNUO CITATI IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATO IL LIMITE D' IMPEGNO DI SEGUITO INDICATO
CAPITOLO 4272
CONTRIBUTO PLURIENNALE ALL' ENTE TUTELA PESCA DEL FRIULI -VENEZIA GIULIA A FRONTE DEI MUTUI CONTRATTI PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL LABORATORIO ITTICO CON SEDE IN ARIIS DI RIVIGNANO ART. 124 , COMMA 1 , LR 5.2.1992 N. 4
1997150.000.000
1998150.000.000
1999150.000.000
TOTALE450.000.000

LIMITE 4 : 1997 - 2006150.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

ART. 21
 (RIFINANZIAMENTI NEI SETTORI DELL'EDILIZIA
E DELLA VIABILITÀ)
1. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 46, COMMA 1, L.R. 14.2.1995 N. 8 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3282
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA CONVENZIONATA ART. 85 L.R. 1.9.1982 N. 75 , ART. 94 L.R. 1.9.1982 N. 75 COME DA ULTIMO SOSTITUITO DALL' ART. 36 L.R. 17.6.1993 N. 45 , ART. 21 , COMMA 1 , L.R. 8.8.1996 N. 29
1997-1.000.000.000
1998-1.000.000.000
1999-1.000.000.000
TOTALE-3.000.000.000

LIMITE 15 : 1997 - 2016-1.000.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

4. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 148, L.R. 1.9.1982 N. 75 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA AGEVOLATA
1997-2.999.100.000
1998-2.999.550.000
1999-3.000.000.000
TOTALE-8.998.650.000

LIMITE 1 : 1997-2.999.100.000
1998-2.999.550.000
1999-3.000.000.000
2000-3.000.000.000
2001-3.000.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

5. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 148, L.R. 1.9.1982 N. 75 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA AGEVOLATA ART. 88 L.R. 1.9.1982 N. 75 COME MODIFICATO DALL' ART. 33 L.R. 30.5.1988 N. 37 , ART. 94 L.R. 1.9.1982 N. 75 COME DA ULTIMO SOSTITUITO DALL' ART. 36 L.R. 17.6.1993 N. 45 , ART. 19 , COMMA 3 , L.R. 29.4.1986 N. 18 , ART. 17 L.R. 1.2.1993 N. 1 COME INTEGRATO DALL' ART. 60 L.R. 17.6.1993 N. 45
1997-1.279.790.370
1998-1.637.931.240
1999-1.638.435.515
TOTALE-4.556.157.125

LIMITE 2 : 1997-1.279.790.370
1998-1.637.931.240
1999-1.638.435.515
2000-1.652.144.775
2001-1.855.905.035
2002-1.913.469.640

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

6. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 35, L.R. 30.1.1984 N. 4 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA AGEVOLATA
1997-1.000.000.000
1998-7.000.000.000
1999-7.000.000.000
TOTALE-15.000.000.000

LIMITE 3 : 1997-1.000.000.000
1998-7.000.000.000
1999-7.000.000.000
2000-7.825.680.142
2001-7.880.422.140
2002-7.899.419.050
2003-7.918.121.550

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

7. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 32 L.R. 29.1.1985 N. 8 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA AGEVOLATA
1997-11.603.069.902
1998-11.611.889.902
1999-11.644.869.557
TOTALE-34.859.829.361

LIMITE 4 : 1997-11.603.069.902
1998-11.611.889.902
1999-11.644.869.557
2000-12.899.633.636
2001-12.912.764.245
2002-12.916.650.785
2003-12.919.990.990
2004-12.927.285.580

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

8. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 21 L.R. 30.1.1986 N. 5 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA AGEVOLATA
1997-3.561.960.653
1998-3.578.720.784
1999-3.583.501.328
TOTALE-10.724.182.765

LIMITE 5 : 1997-3.561.960.653
1998-3.578.720.784
1999-3.583.501.328
2000-3.611.348.609
2001-6.817.551.662
2002-6.819.126.662
2003-6.819.126.662
2004-6.819.126.662
2005-6.836.416.560

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

9. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 2 L.R. 28.1.1987 N. 3 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA AGEVOLATA
1997-2.268.271.120
1998-2.288.521.120
1999-2.301.113.380
TOTALE-6.857.905.620

LIMITE 6 : 1997-2.268.271.120
1998-2.288.521.120
1999-2.301.113.380
2000-2.327.462.540
2001-2.356.507.040
2002-6.707.886.600
2003-6.723.186.600
2004-6.723.186.600
2005-6.727.439.100
2006-6.733.289.070

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

10. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 2 L.R. 30.1.1988 N. 3 E DA ART. 13, COMMA 5 L.R. 11.5.1988 N. 28 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA AGEVOLATA
1997-1.036.526.861
1998-2.904.145.098
1999-2.919.895.098
TOTALE-6.860.567.057

LIMITE 7 : 1997-1.036.526.861
1998-2.904.145.098
1999-2.919.895.098
2000-2.948.263.098
2001-2.963.068.098
2002-3.183.795.490
2003-11.180.007.290
2004-11.182.054.550
2005-11.182.054.550
2006-11.184.307.930
2007-11.189.707.930

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

11. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 19 L.R. 30.1.1989 N. 2 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA AGEVOLATA
1997-2.683.668.604
1998-2.804.861.494
1999-4.538.705.620
TOTALE-10.027.235.718

LIMITE 8 : 1997-2.683.668.604
1998-2.804.861.494
1999-4.538.705.620
2000-4.567.636.604
2001-4.588.353.668
2002-4.615.014.818
2003-5.003.286.904
2004-12.984.714.900
2005-13.003.829.400
2006-13.003.829.400
2007-13.004.341.495
2008-13.042.728.750

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

12. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 19 L.R. 30.1.1989 N. 2 E DA ART. 31, COMMA 1 L.R. 7.2.1990 N. 3 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA AGEVOLATA
1997-2.415.863.661
1998-2.487.881.655
1999-2.669.607.858
TOTALE-7.573.353.174

LIMITE 9 : 1997-2.415.863.661
1998-2.487.881.655
1999-2.669.607.858
2000-5.561.973.942
2001-5.583.582.861
2002-5.599.163.919
2003-5.635.630.126
2004-6.546.218.138
2005-17.057.800.070
2006-17.063.495.070
2007-17.066.845.070
2008-17.070.243.660
2009-17.093.796.660

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

13. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 31, COMMA 1, L.R. 7.2.1990 N. 3 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI
EDILIZIA AGEVOLATA
1997-765.709.640
1998-775.304.075
1999-805.337.470
TOTALE-2.346.351.185

LIMITE 10 : 1997-765.709.640
1998-775.304.075
1999-805.337.470
2000-846.455.688
2001-2.951.319.488
2002-2.956.243.988
2003-2.970.075.838
2004-2.989.247.754
2005-3.278.474.404
2006-9.640.530.196
2007-9.641.870.196
2008-9.641.870.196
2009-9.641.870.196
2010-9.641.870.196

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

14. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 15 L.R. 1.2.1991 N. 4 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA AGEVOLATA
1997-1.604.037.140
1998-1.614.628.210
1999-1.631.333.032
TOTALE-4.849.998.382

LIMITE 12 : 1997-1.604.037.140
1998-1.614.628.210
1999-1.631.333.032
2000-1.647.744.624
2001-1.671.572.099
2002-3.385.320.460
2003-3.391.504.560
2004-3.406.914.560
2005-3.420.253.750
2006-3.670.052.275
2007-9.626.957.682
2008-9.645.333.932
2009-9.651.883.991
2010-9.653.397.016
2011-9.665.513.152

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

15. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 14 L.R. 5.2.1992 N. 4 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA AGEVOLATA
1997-224.987.356
1998-224.987.356
1999-224.987.356
TOTALE-674.962.068

LIMITE 13 : 1997-224.987.356
1998-224.987.356
1999-224.987.356
2000-224.987.356
2001-224.987.356
2002-235.276.636
2003-441.813.310
2004-441.813.310
2005-441.813.310
2006-441.813.310
2007-492.506.666
2008-2.126.121.780
2009-2.126.121.780
2010-2.126.121.780
2011-2.126.121.780
2012-2.126.121.780

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

16. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 14 L.R. 5.2.1992 N. 4 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA AGEVOLATA
1997-32.511.954
1998-32.511.954
1999-32.511.954
TOTALE-97.535.862

LIMITE 14 : 1997-32.511.954
1998-32.511.954
1999-32.511.954
2000-32.511.954
2001-32.511.954
2002-32.511.954
2003-32.511.954
2004-37.409.904
2005-37.409.904
2006-39.904.817
2007-42.399.730
2008-44.074.730
2009-5.025.000
2010-5.025.000
2011-5.025.000
2012-5.025.000
2013-8.291.250

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

17. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 17 L.R. 1.2.1993 N. 1 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA AGEVOLATA
1997-62.354.752
1998-62.354.752
1999-62.354.752
TOTALE-187.064.256

LIMITE 15 : 1997-62.354.752
1998-62.354.752
1999-62.354.752
2000-62.354.752
2001-62.354.752
2002-62.354.752
2003-62.354.752
2004-57.210.460
2005-57.210.460
2006-57.210.460
2007-57.210.460
2008-55.060.275
2009-4.020.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

18. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 49, COMMA 1 L.R. 28.4.1994 N. 5 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 3284
INTERVENTI PLURIENNALI PER LA REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI EDILIZIA AGEVOLATA
1997-7.000.000.000
1998-7.000.000.000
1999-7.000.000.000
TOTALE-21.000.000.000

LIMITE 20 : 1997 - 2015-7.000.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

19. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI, CON L' ESTENSIONE TEMPORALE E PER L' AMMONTARE ANNUO CITATI IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATO IL LIMITE D' IMPEGNO DI SEGUITO INDICATO
CAPITOLO 3303
CONTRIBUTI PLURIENNALI A FAVORE DEGLI I.A.C.P. PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DEL PROPRIO PATRIMONIO EDILIZIO
19971.000.000.000
19981.000.000.000
19991.000.000.000
TOTALE3.000.000.000

LIMITE 5 : 1997 - 20111.000.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

20. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI, CON L' ESTENSIONE TEMPORALE E PER L' AMMONTARE ANNUO CITATI IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATO IL LIMITE D' IMPEGNO DI SEGUITO INDICATO
CAPITOLO 3303
CONTRIBUTI PLURIENNALI A FAVORE DEGLI I.A.C.P. PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI RECUPERO DEL PROPRIO PATRIMONIO EDILIZIO ART. 17 , COMMA 1 , L.R. 6.9.1991 N. 47
1997--
1998--
19991.000.000.000
TOTALE1.000.000.000

LIMITE 6 : 1999 - 20131.000.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

22. È RIDOTTA A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 20, COMMA 5, L.R. 6.2.1996 N. 9
CAPITOLO 3334
FINANZIAMENTI UNA TANTUM AGLI I. A. C. P. ED AI COMUNI PER INTERVENTI DI RECUPERO E DI RIQUALIFICAZIONE URBANA
ART. 13 , COMMA 2, LETTERE B) , C) , D) , ART. 15 L.R. 29.4.1986 N. 18
1997--
1998-2.000.000.000
1999--
TOTALE-2.000.000.000


27. È REVOCATA LA SPESA AUTORIZZATA DALL' ART. 20, COMMA 22, L.R. 6.2.1996 N. 9 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA DEL BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI 1996 - 1998
CAPITOLO 3388
CONTRIBUTI AI COMUNI PER OPERE DI URBANIZZAZIONE CONSISTENTI NELLA COSTRUZIONE DI PARCHEGGI A SERVIZIO DELLE CASERME MILITARI, COMPRESI GLI EVENTUALI COLLEGAMENTI ALLA RETE VIARIA PUBBLICA
1997--
1998-200.000.000
1999--
TOTALE-200.000.000


28. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI, CON L' ESTENSIONE TEMPORALE E PER L' AMMONTARE ANNUO CITATI IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATO IL LIMITE D' IMPEGNO DI SEGUITO INDICATO
CAPITOLO 3389
CONTRIBUTI ANNUI COSTANTI AGLI ENTI LOCALI E AGLI I.A.C.P. PER LA COSTRUZIONE, LA RISTRUTTURAZIONE E LA SISTEMAZIONE DI EDIFICI DESTINATI O DA DESTINARSI A SEDI DELL' ARMA DEI CARABINIERI O DI ALTRI CORPI DI POLIZIA
1997200.000.000
1998200.000.000
1999200.000.000
TOTALE600.000.000

LIMITE 6 : 1997 - 2016200.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

47. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI, CON L' ESTENSIONE TEMPORALE E PER L' AMMONTARE ANNUO CITATI IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATO IL LIMITE D' IMPEGNO DI SEGUITO INDICATO
CAPITOLO 4005
CONTRIBUTI ANNUI COSTANTI AI COMUNI E LORO CONSORZI PER L' ACQUISTO DI SCUOLA -BUS
ART. 65 L.R. 21.10.1986 N. 41 , ART. 1 , COMMA 20 , L.R. FIN. 1997
1997500.000.000
1998500.000.000
1999500.000.000
TOTALE1.500.000.000

LIMITE 13 : 1997 - 2001500.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

Note:
1Parole sostituite al comma 2 da art. 20, comma 22, L. R. 3/1998 , con effetto, ex articolo 33 della medesima legge, dall' 1 gennaio 1998.
ART. 22
 (RIFINANZIAMENTI NEI SETTORI DELLA SANITÀ
E DELL'ASSISTENZA)
1. È REVOCATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 33, COMMA 2, L.R. 6.2.1996 N. 9 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 4398
FINANZIAMENTI DI INVESTIMENTI NELLA REGIONE PER IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - FONDI REGIONALI
1997--
1998-35.000.000.000
1999--
TOTALE-35.000.000.000


6. È RIDOTTA A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 32, COMMA 4, L.R. 6.2.1996 N. 9
CAPITOLO 4512
FINANZIAMENTI STRAORDINARI ALLE AZIENDE SANITARIE REGIONALI PER L' ATTUAZIONE DEL PRIMO PIANO DI INTERVENTO A MEDIO TERMINE PER LA REVISIONE DELLA RETE OSPEDALIERA REGIONALE
1997--
1998-15.000.000.000
1999--
TOTALE-15.000.000.000


12. È REVOCATO IL LIMITE D' IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 36, COMMA 5, L.R. 6.2.1996, N. 9 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 4866
CONTRIBUTI ANNUI COSTANTI PER L' AMPLIAMENTO, LA RISTRUTTURAZIONE, L' ADEGUAMENTO FUNZIONALE, LA RICONVERSIONE, LA RIQUALIFICAZIONE E LO SVILUPPO IN AREE CARENTI DI STRUTTURE RESIDENZIALI DESTINATE ALL' ACCOGLIMENTO DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ART. 44 , COMMA 1 , L.R. 26.9.1995 N. 39
1997--
1998-2.500.000.000
1999-2.500.000.000
TOTALE-5.000.000.000

LIMITE 3 : 1998 - 2007-2.500.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

15. È REVOCATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 36, COMMA 17, L.R. 6.2.1996 N. 9 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 4925
CONTRIBUTI ALLE COOPERATIVE E AGLI ENTI PRIVATI CHE GARANTISCONO IL RISPETTO DEGLI STANDARD QUALITATIVI ED ORGANIZZATIVI PREFISSATI, PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, MANUTENZIONE STRAORDINARIA, ACQUISTO DI ARREDI ED ATTREZZATURE
1997--
1998-150.000.000
1999--
TOTALE-150.000.000


17. È RIDOTTA A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 23, COMMA 17, L.R. 25.9.1996 N. 41
CAPITOLO 4971
CONTRIBUTI PER LA GESTIONE DI SERVIZI, CENTRI, ISTITUTI SPECIALIZZATI E COMUNITÀ ALLOGGIO PER LE PERSONE HANDICAPPATE PER L' ANNO 1997
1997-1.200.000.000
1998--
1999--
TOTALE-1.200.000.000


ART. 23
 (RIFINANZIAMENTI NEI SETTORI DELL'ISTRUZIONE, DELLA RICERCA,
DELLA CULTURA, DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE E DELLE
ATTIVITÀ RICREATIVE E SPORTIVE)
3. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 32, COMMA 1, L.R. 1.2.1993 N. 1 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 5096
CONTRIBUTI PLURIENNALI COSTANTI ALLE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI, AI CONSORZI COSTITUITI PER IL LORO SVILUPPO, AGLI ENTI PUBBLICI, E ALLE CAMERE DI COMMERCIO PER LA PROGETTAZIONE, L' ACQUISTO, LA COSTRUZIONE, L' AMPLIAMENTO, IL RIATTO E LA RISTRUTTURAZIONE DI EDIFICI DA DESTINARE A SEDI UNIVERSITARIE, AI SERVIZI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO E PER L' ACQUISTO DI ATTREZZATURE DIDATTICHE E SCIENTIFICHE PER L' ISTRUZIONE UNIVERSITARIA
1997-400.000.000
1998-400.000.000
1999-400.000.000
TOTALE-1.200.000.000

LIMITE 3 : 1997 - 2009-400.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

4. È REVOCATO IL LIMITE D' IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 31, COMMA 3, L.R. 25.10.1994 N. 14 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 5096
CONTRIBUTI PLURIENNALI COSTANTI ALLE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI, AI CONSORZI COSTITUITI PER IL LORO SVILUPPO, AGLI ENTI PUBBLICI, E ALLE CAMERE DI COMMERCIO PER LA PROGETTAZIONE, L' ACQUISTO, LA COSTRUZIONE, L' AMPLIAMENTO, IL RIATTO E LA RISTRUTTURAZIONE DI EDIFICI DA DESTINARE A SEDI UNIVERSITARIE, AI SERVIZI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO E PER L' ACQUISTO DI ATTREZZATURE DIDATTICHE E SCIENTIFICHE PER L' ISTRUZIONE UNIVERSITARIA
1997-100.000.000
1998-100.000.000
1999-100.000.000
TOTALE-300.000.000

LIMITE 6 : 1997 - 2009-100.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

5. È REVOCATO IL LIMITE D' IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 31, COMMA 9, L.R. 25.10.1994 N. 14 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 5096
CONTRIBUTI PLURIENNALI COSTANTI ALLE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI, AI CONSORZI COSTITUITI PER IL LORO SVILUPPO, AGLI ENTI PUBBLICI, E ALLE CAMERE DI COMMERCIO PER LA PROGETTAZIONE, L' ACQUISTO, LA COSTRUZIONE, L' AMPLIAMENTO, IL RIATTO E LA RISTRUTTURAZIONE DI EDIFICI DA DESTINARE A
SEDI UNIVERSITARIE, AI SERVIZI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO E PER L' ACQUISTO DI ATTREZZATURE DIDATTICHE E SCIENTIFICHE PER L' ISTRUZIONE UNIVERSITARIA
1997-1.000.000.000
1998-1.000.000.000
1999-1.000.000.000
TOTALE-3.000.000.000

LIMITE 7 : 1997 - 2009-1.000.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

27. È RIDOTTO PER L' ESTENSIONE TEMPORALE E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IL LIMITE DI IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 88, COMMA 6, L.R. 14.2.1995 N. 8 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 5392
CONTRIBUTI PLURIENNALI A FRONTE DEI MUTUI CONTRATTI PER L' ACQUISIZIONE, LA COSTRUZIONE, IL RIATTAMENTO, LA RISTRUTTURAZIONE, IL COMPLETAMENTO, L' ATTREZZATURA E L' ARREDAMENTO DI STRUTTURE TEATRALI
1997-1.400.000.000
1998-1.400.000.000
1999-1.400.000.000
TOTALE-4.200.000.000

LIMITE 6 : 1997 - 2005-1.400.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

28. È REVOCATO IL LIMITE D' IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 59, COMMA 4, L.R. 26.9.1995 N. 39 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 5392
CONTRIBUTI PLURIENNALI A FRONTE DEI MUTUI CONTRATTI PER L' ACQUISIZIONE, LA COSTRUZIONE, IL RIATTAMENTO, LA RISTRUTTURAZIONE, IL COMPLETAMENTO, L' ATTREZZATURA E L' ARREDAMENTO DI STRUTTURE TEATRALI
1997-2.000.000.000
1998-2.000.000.000
1999-2.000.000.000
TOTALE-6.000.000.000

LIMITE 7 : 1997 - 2005-2.000.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

34. È RIDOTTA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 66, COMMA 2, L.R. 26.9.1995 N. 39 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA DEL BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI 1996 - 1998
CAPITOLO 5846
CONTRIBUTI UNA TANTUM A IMPRESE, LORO ASSOCIAZIONI E SOCIETÀ DI SERVIZI CHE ABBIANO ORGANIZZATO CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE REGOLARMENTE APPROVATI ED INCLUSI NEI PIANI ANNUALI DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE PER GLI ANNI DAL 1990 AL 1992
1997-500.000.000
1998--
1999--
TOTALE-500.000.000


ART. 24
12. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI, CON L' ESTENSIONE TEMPORALE E PER L' AMMONTARE ANNUO CITATI IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATO IL LIMITE D' IMPEGNO DI SEGUITO INDICATO
CAPITOLO 6361
CONTRIBUTI NEGLI INTERESSI SUI MUTUI EROGATI AI TERMINI DELLA LEGGE 5 LUGLIO 1928, N. 1760, DAGLI ISTITUTI AUTORIZZATI AD ESERCITARE IL CREDITO AGRARIO DI MIGLIORAMENTO, A FAVORE DEI COLTIVATORI DIRETTI, AFFITTUARI COLTIVATORI DIRETTI, MEZZADRI, COLONI, COMPARTECIPANTI E
SALARIATI, NONCHÉ DELLE COOPERATIVE AGRICOLE, PER ACQUISTI DI FONDI RUSTICI AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1948, N. 114 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI
ART. 1 L.R. 16.5.1973 N. 45 , E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI E INTEGRAZIONI
1997500.000.000
1998500.000.000
1999500.000.000
TOTALE1.500.000.000

LIMITE 18 : 1997 - 2016500.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

27. È RIDOTTA A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 110, COMMA 1, L.R. 14.2.1995 N. 8
CAPITOLO 6650
CONTRIBUTO NEGLI INTERESSI SUI PRESTITI AGRARI DI ESERCIZIO EROGATI A TERMINI DELL' ARTICOLO 2, PUNTO 1, DELLA LEGGE 5 LUGLIO 1928, N. 1760
1997-500.000.000
1998--
1999--
TOTALE-500.000.000


29. È RIDOTTA A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 110, COMMA 3, L.R. 14.2.1995 N. 8
CAPITOLO 6656
CONTRIBUTI NEGLI INTERESSI SUI PRESTITI AGRARI DI ESERCIZIO EROGATI DA ISTITUTI ED ENTI ESERCENTI IL CREDITO AGRARIO A TERMINI DELL' ART. 2, PUNTO 4, LETTERA B) DELLA LEGGE 5 LUGLIO 1928, N. 1760 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI, ALLE COOPERATIVE E LORO CONSORZI CHE OPERANO NEL SETTORE DELLA RACCOLTA, CONSERVAZIONE, LAVORAZIONE, TRASFORMAZIONE E VENDITA COLLETTIVA DEI PRODOTTI AGRICOLI - IVI COMPRESE LE STALLE SOCIALI E GLI ALLEVAMENTI COOPERATIVI - PER LA CORRESPONSIONE DI ANTICIPAZIONI AI SOCI CONFERENTI
1997-500.000.000
1998--
1999--
TOTALE-500.000.000


30. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 6656
CONTRIBUTI NEGLI INTERESSI SUI PRESTITI AGRARI DI ESERCIZIO EROGATI DA ISTITUTI ED ENTI ESERCENTI IL CREDITO AGRARIO A TERMINI DELL' ART. 2, PUNTO 4, LETTERA B) DELLA LEGGE 5 LUGLIO 1928, N. 1760 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI, ALLE COOPERATIVE E LORO CONSORZI CHE OPERANO NEL SETTORE DELLA RACCOLTA, CONSERVAZIONE, LAVORAZIONE, TRASFORMAZIONE E VENDITA COLLETTIVA DEI PRODOTTI AGRICOLI - IVI COMPRESE LE STALLE SOCIALI E GLI ALLEVAMENTI COOPERATIVI - PER LA CORRESPONSIONE DI ANTICIPAZIONI AI SOCI CONFERENTI
1997--
1998--
19993.000.000.000
TOTALE3.000.000.000


Note:
1Le disposizioni dei commi 10, 12, 14, 15, 16, 18, 20, 21, 22, 23, 28, 30, 31, 33, 35, 38, 40, 41 e 43 del presente articolo sono state comunicate alla Commissione delle Comunita' Europee per il relativo esame.
2Il comunicato relativo all' esame dei commi 20 e 31 da parte della Commissione delle Comunita' Europee e' stato pubblicato sul B.U.R. n. 20 del 20 maggio 1998 .
ART. 25
 (RIFINANZIAMENTI NEI SETTORI DELL'INDUSTRIA,
DELL'ARTIGIANATO, DEL LAVORO E DELLA COOPERAZIONE,
DEL COMMERCIO E DEL TURISMO)
13. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI, CON L' ESTENSIONE TEMPORALE E PER L' AMMONTARE ANNUO CITATI IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATO IL LIMITE D' IMPEGNO DI SEGUITO INDICATO
CAPITOLO 7416
CONTRIBUTI PLURIENNALI, PER UNA DURATA NON SUPERIORE A 15 ANNI, A FAVORE DEGLI ENTI DI CUI ALL' ARTICOLO 1 DELLA LEGGE REGIONALE 11 NOVEMBRE 1965, N. 24, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, A FRONTE DEI MUTUI CONTRATTI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI INFRASTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE O DESTINATE A SERVIZI, IVI COMPRESO IL COSTO DELLE AREE SU CUI LE OPERE STESSE INSISTONO
19972.000.000.000
19982.000.000.000
19992.000.000.000
TOTALE6.000.000.000

LIMITE 13 : 1997 - 20112.000.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

14. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI, CON L' ESTENSIONE TEMPORALE E PER L' AMMONTARE ANNUO CITATI IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATO IL LIMITE D' IMPEGNO DI SEGUITO INDICATO
CAPITOLO 7416
CONTRIBUTI PLURIENNALI, PER UNA DURATA NON SUPERIORE A 15 ANNI, A FAVORE DEGLI ENTI DI CUI ALL' ARTICOLO 1 DELLA LEGGE REGIONALE 11 NOVEMBRE 1965, N. 24, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, A FRONTE DEI MUTUI CONTRATTI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI INFRASTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE O DESTINATE A SERVIZI, IVI COMPRESO IL COSTO DELLE AREE SU CUI LE OPERE STESSE INSISTONO
1997--
19981.000.000.000
19991.000.000.000
TOTALE2.000.000.000

LIMITE 14 : 1998 - 20121.000.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

39. È REVOCATO IL LIMITE D' IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 151, COMMA 3, L.R. 28.4.1994 N. 5 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 8222
CONTRIBUTI ANNUI COSTANTI IN CONTO CAPITALE O SUI MUTUI EVENTUALMENTE CONTRATTI PER L' ATTUAZIONE DI PROGRAMMI CONCERNENTI L' IMPIANTO E L' ALLESTIMENTO DI COMPRENSORI FIERISTICI, CENTRI COMMERCIALI, MERCATI ALLA PRODUZIONE, CENTRI DI RACCOLTA DI PRODOTTI AGRICOLI, ZONE DI SERVIZIO PER LE OPERAZIONI DOGANALI AI VALICHI DI CONFINE, MERCATI ALL' INGROSSO DEI PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI, DELLE CARNI E DEI PRODOTTI ITTICI
CAPO IV L.R. 27.11.1967 N. 26 , E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI E INTEGRAZIONI, ART. 6 L.R. 11.6.1975 N. 30
1997-200.000.000
1998-200.000.000
1999-200.000.000
TOTALE -600.000.000

LIMITE 11 : 1997 - 2004-200.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

41. È REVOCATO IL LIMITE D' IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 65, COMMA 8, L.R. 1.2.1993 N. 1 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 8228
CONTRIBUTO PLURIENNALE AL COMUNE DI MARANO LAGUNARE A FRONTE DEI MUTUI CONTRATTI PER IL COMPLETAMENTO DEL MERCATO ITTICO
1997-150.000.000
1998-150.000.000
1999-150.000.000
TOTALE-450.000.000

LIMITE 1 : 1997 - 2003-150.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

45. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI, CON L' ESTENSIONE TEMPORALE E PER L' AMMONTARE ANNUO CITATI IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATO IL LIMITE D' IMPEGNO DI SEGUITO INDICATO
CAPITOLO 8305
CONTRIBUTI ANNUI COSTANTI A FAVORE DEGLI OPERATORI COMMERCIALI, AL FINE DI FAVORIRE LA RAZIONALIZZAZIONE E LO SVILUPPO DEL SETTORE DISTRIBUTIVO
L.R. 8.4.1982 N. 25 , E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI E INTEGRAZIONI
19971.000.000.000
19981.000.000.000
19991.000.000.000
TOTALE3.000.000.000

LIMITE 19 : 1997 - 20061.000.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

55. È REVOCATO IL LIMITE D' IMPEGNO AUTORIZZATO DA ART. 67, COMMA 5, L.R. 1.2.1993 N. 1 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA
CAPITOLO 8576
CONTRIBUTO VENTENNALE ALL' AZIENDA DI PROMOZIONE TURISTICA DI GRADO E AQUILEIA A SOLLIEVO DEGLI ONERI RELATIVI ALL' AMMORTAMENTO DEL MUTUO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI COMPLETAMENTO DEGLI STABILIMENTI TERMALI DI GRADO NONCHÉ PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI PER LA BALNEAZIONE A SCOPO TERMALE O TURISTICO E PER L' ACQUISTO DELLE ATTREZZATURE E DEGLI ARREDI AD ESSI RELATIVI
1997-500.000.000
1998-500.000.000
1999-500.000.000
TOTALE-1.500.000.000

LIMITE 3 : 1997 - 2014-500.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

ART. 26
 (ALTRI RIFINANZIAMENTI)
1. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 573
CONTRIBUTO AL CIRCOLO DEI DIPENDENTI DELL' ENTE REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA PER LE SPESE DI FUNZIONAMENTO
ART. 1 , COMMA 1 , LR 20.11.1995 N. 45
1997100.000.000
1998100.000.000
1999100.000.000
TOTALE300.000.000


2. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 800
SPESE E CONTRIBUTI PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA DELLA SOLIDARIETÀ E L' ORIENTAMENTO DEI VOLONTARI
ART. 8 , COMMA 1 , LR 20.2.1995 N. 12
1997800.000.000
1998800.000.000
1999800.000.000
TOTALE2.400.000.000


3. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 967
FINANZIAMENTO PER LA STIPULA DI UNA CONVENZIONE CON LA SOCIETÀ ITALIANA PER L' ESERCIZIO DELLE TELECOMUNICAZIONI (TELECOM ITALIA) PER IL MANTENIMENTO DELLE CABINE TELEFONICHE STRADALI UBICATE NELLE LOCALITÀ E FRAZIONI PERIFERICHE E DISAGIATE DEI TERRITORI MONTANI
ART. 14 , COMMA 1 , LR 25.6.1993 N. 50
1997--
1998--
1999300.000.000
TOTALE300.000.000


4. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI, CON L' ESTENSIONE TEMPORALE E PER L' AMMONTARE ANNUO CITATI IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 1150
SPESE PER L' ACQUISTO ANCHE A MEZZO DI OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA DI BENI IMMOBILI E PER L' ESECUZIONE DI COSTRUZIONI, RICOSTRUZIONI, AMPLIAMENTO, ADATTAMENTO E SISTEMAZIONE DI FABBRICATI OCCORRENTI PER GLI UFFICI REGIONALI, COMPRESA LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEI BENI PATRIMONIALI, NONCHÉ PER L' ACQUISTO E L' ESECUZIONE DI COSTRUZIONI PER SISTEMARVI, IN CASO DI NECESSITÀ, PERSONE CHE OCCUPANO LOCALI DESTINATI A SEDE DI UFFICI REGIONALI O DI ENTI ED ISTITUTI DIPENDENTI DALLA REGIONE, NONCHÉ PER LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI IMMOBILI DEGLI ENTI SOPPRESSI
ART. 1 LR 14.10.1965 N. 20 COME INTEGRATO DALL' ART. 53 LR 11.5.1988 N. 28 , ART. 9 LR 22.12.1971 N. 57
1997493.056.665
1998--
1999--
TOTALE493.056.665


5. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 1724
FINANZIAMENTI AI COMUNI PER PROGETTI SPERIMENTALI PER IL COORDINAMENTO DEGLI ORARI DEI SERVIZI PUBBLICI E DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI
ART. 27 , COMMA 1, LETTERA B), LR 24.6.1993 N. 49
1997300.000.000
1998--
1999--
TOTALE300.000.000


6. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 1725
SPESE DIRETTE PER L' ATTIVITÀ DI DOCUMENTAZIONE, INFORMAZIONE ED ORIENTAMENTO NEI CONFRONTI DEI COMUNI E PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITÀ DI RICERCA SUGLI ORARI DEI SERVIZI PUBBLICI E DEGLI ESERCIZI COMMERCIALI
ART. 27 , COMMA 1, LETTERA C) , ART. 31 , COMMA 1, LETTERAB), LR 24.6.1993 N. 49
1997150.000.000
1998--
1999--
TOTALE150.000.000


7. È REVOCATA A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 159, COMMA 1, LR 14.2.1995 N. 8, ART. 73, COMMI 1, 3, LR 6.2.1996 N. 9
CAPITOLO 1900
SPESE PER LA REALIZZAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO DEL LIBRO FONDIARIO
ART. 3 , COMMA 3 , LR 10.7.1987 N. 20 , LR 19.2.1990 N. 8
1997-500.000.000
1998-1.500.000.000
1999--
TOTALE-2.000.000.000


8. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 1952
CONTRIBUTI ALL' ENTE REGIONALE PER LO SVILUPPO DELL' AGRICOLTURA (ERSA) PER L' ATTUAZIONE DI INDAGINI STATISTICHE NEL CAMPO AGRICOLO ED IL POTENZIAMENTO DELLE RELATIVE INFRASTRUTTURE TECNICO-AMMINISTRATIVE
ART. 49 , COMMA 31 , LR 6.2.1996 N. 9
1997--
1998--
1999100.000.000
TOTALE100.000.000


ART. 27
 (RIFINANZIAMENTI CON FONDI STATALI NEI SETTORI DI
INTERVENTO REGIONALE)
1. LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 58, COMMA 5, L.R. 6.2.1996 N. 9 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È RIDOTTA NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IN CORRISPONDENZA ALLA RIDUZIONE DELL' ENTRATA DI PARI IMPORTO SUL CORRELATO CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELL' ENTRATA SOTTOSPECIFICATO
CAPITOLO 1656 (E/ 170)
CONFERIMENTO A FAVORE DEL FRIE PER LA PROMOZIONE DI INIZIATIVE ECONOMICHE - FONDI STATALI
1997-36.630.000.000
1998--
1999--
TOTALE-36.630.000.000


5. LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 147, COMMA 7, L.R. 14.2.1995 N. 8 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È RIDOTTA NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA IN CORRISPONDENZA ALLA RIDUZIONE DELL' ENTRATA DI PARI IMPORTO SUL CORRELATO CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELL' ENTRATA SOTTOSPECIFICATO
CAPITOLO 1658 (E/ 334)
SPESE PER LA COSTITUZIONE E LA PARTECIPAZIONE AL CENTRO DI SERVIZI E DI DOCUMENTAZIONE PER LA COOPERAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE DI GORIZIA
1997-2.650.000.000
1998--
1999--
TOTALE-2.650.000.000


7. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI, CON L' ESTENSIONE TEMPORALE E PER L' AMMONTARE ANNUO CITATI IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATO IL LIMITE D' IMPEGNO DI SEGUITO INDICATO, IN CORRISPONDENZA ALLA PREVISIONE DELL' ENTRATA DI PARI IMPORTO SUL CORRELATO CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELL' ENTRATA SOTTOSPECIFICATO
CAPITOLO 6592 (E/ 517)
CONCORSO NEL PAGAMENTO DEGLI INTERESSI SUI PRESTITI DI ESERCIZIO AD AMMORTAMENTO QUINQUENNALE DI CUI ALL' ART. 2 DELLA LEGGE 14 FEBBRAIO 1964, N. 38 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI, A FAVORE DI AZIENDE AGRICOLE SINGOLE E ASSOCIATE, COOPERATIVE DI COMMERCIALIZZAZIONE E TRASFORMAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI E ASSOCIAZIONI RICONOSCIUTE DEI PRODUTTORI AGRICOLI, COLPITE DA EVENTI CALAMITOSI E RICADENTI NELLE ZONE DELIMITATE CON DECRETI EMESSI DAL MINISTERO DELL' AGRICOLTURA E DELLE FORESTE
1997254.000.000
1998254.000.000
1999254.000.000
TOTALE762.000.000

LIMITE 33 : 1997 - 2001254.000.000

LE VARIAZIONI SULLE ANNUALITÀ PER GLI ANNI SUCCESSIVI AL TRIENNIO FANNO CARICO AI CORRISPONDENTI CAPITOLI DEL BILANCIO PER GLI ANNI MEDESIMI.

Note:
1Comma 3 abrogato da art. 30, comma 1, lettera jj), L. R. 10/2012
2Comma 4 abrogato da art. 30, comma 1, lettera jj), L. R. 10/2012
ART. 28
 (RIFINANZIAMENTI CON CONTRAZIONE DI MUTUO NEI SETTORI
DI INTERVENTO REGIONALE)
5. È RIDOTTA A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 70, COMMA 1, L.R. 6.2.1996 N. 9 ED È CORRISPONDENTEMENTE RIDOTTA DI PARI IMPORTO L' ENTRATA SUL CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELL' ENTRATA CORRELATO SOTTOSPECIFICATO
CAPITOLO 1152 (E/1650)
SPESE PER L' ACQUISTO ANCHE A MEZZO DI OPERAZIONI DI LOCAZIONE FINANZIARIA DI BENI IMMOBILI E PER L' ESECUZIONE DI COSTRUZIONI, RICOSTRUZIONI, AMPLIAMENTO, ADATTAMENTO E SISTEMAZIONE DI FABBRICATI OCCORRENTI PER GLI UFFICI REGIONALI, COMPRESA LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEI BENI PATRIMONIALI, NONCHÉ PER L' ACQUISTO E L' ESECUZIONE DI COSTRUZIONI PER SISTEMARVI, IN CASO DI NECESSITÀ, PERSONE CHE OCCUPANO LOCALI DESTINATI A SEDE DI UFFICI REGIONALI O DI ENTI ED ISTITUTI DIPENDENTI DALLA REGIONE, NONCHÉ PER LA MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI IMMOBILI DEGLI ENTI SOPPRESSI - FINANZIATO CON CONTRAZIONE DI MUTUO
1997-2.700.000.000
1998-1.500.000.000
1999--
TOTALE-4.200.000.000


6. È REVOCATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 15, COMMA 5, L.R. 6.2.1996 N. 9 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA DEL BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI 1996 - 1998 ED È CORRISPONDENTEMENTE RIDOTTA L' ENTRATA DI PARI IMPORTO SUL CORRELATO CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELL' ENTRATA SOTTOSPECIFICATO
CAPITOLO 2452 (E/1650)
CONTRIBUTI UNA TANTUM A FAVORE DI COMUNI, SINGOLI O ASSOCIATI, PER IL RECUPERO DI AREE DEGRADATE DA ATTIVITÀ DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI O ESTRATTIVE - FINANZIATO CON CONTRAZIONE DI MUTUO
1997-2.000.000.000
1998--
1999--
TOTALE-2.000.000.000


8. È REVOCATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 21, COMMA 3, L.R. 6.2.1996 N. 9 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA DEL BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI 1996 - 1998 ED È CORRISPONDENTEMENTE RIDOTTA L' ENTRATA DI PARI IMPORTO SUL CORRELATO CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELL' ENTRATA SOTTOSPECIFICATO
CAPITOLO 3351 (E/1650)
CONTRIBUTI UNA TANTUM A FAVORE DEI COMUNI PER LA SALVAGUARDIA DEI CENTRI STORICI PRIMARI - FINANZIATO CON CONTRAZIONE DI MUTUO
ART. 1 , COMMI 1 , 2 , L.R. 10.1.1983 N. 2
1997-800.000.000
1998--
1999--
TOTALE-800.000.000


9. È REVOCATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 29, COMMA 1, L.R. 6.2.1996 N. 9 A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA DEL BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI 1996 - 1998 ED È CORRISPONDENTEMENTE RIDOTTA L' ENTRATA DI PARI IMPORTO SUL CORRELATO CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELL' ENTRATA SOTTOSPECIFICATO
CAPITOLO 3795 (E/1650)
CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALL' AZIENDA SPECIALE PER IL PORTO DI MONFALCONE PER LE INFRASTRUTTURE, LE OPERE E GLI INTERVENTI VOLTI A RENDERE PIENAMENTE OPERATIVA LA "ZONA INTERSCAMBIO MERCI" O AD ALTRI INTERVENTI DI POTENZIAMENTO DEL PORTO - FINANZIATO CON CONTRAZIONE DI MUTUO
1997-1.000.000.000
1998-1.000.000.000
1999--
TOTALE-2.000.000.000


10. È RIDOTTA A CARICO DEL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA E NELLA MISURA DI SEGUITO INDICATA LA SPESA AUTORIZZATA DA ART. 34, COMMA 1, L.R. 6.2.1996 N. 9 ED È CORRISPONDENTEMENTE RIDOTTA DI PARI IMPORTO L' ENTRATA SUL CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELL' ENTRATA CORRELATO SOTTOSPECIFICATO
CAPITOLO 4399 (E/1650)
FINANZIAMENTI DI INVESTIMENTI NELLA REGIONE PER IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - FINANZIATO CON CONTRAZIONE DI MUTUO
1997-50.000.000.000
1998--
1999--
TOTALE-50.000.000.000


ART. 29
 (RIFINANZIAMENTI DI PROGRAMMI COMUNITARI)
1. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA
CAPITOLO 3070
FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO (CEE) N. 867/1990 PER IL PERSEGUIMENTO DELL' OBIETTIVO 5A) DI CUI ALL' ARTICOLO 1 DEL REGOLAMENTO (CEE) N. 2081/1993 - PROGRAMMA 1994 - 1999 - FONDI REGIONALI
ART. 1 REGOLAMENTO C.E.E. 20.7.1993 N. 2081 , REGOLAMENTO C.E.E. 29.3.1990 N. 867 , ART. 105 , COMMA 1 , L.R. 26.9.1995 N. 39
199780.600.000
1998--
1999--
TOTALE80.600.000

2. PER LE FINALITÀ PREVISTE DALLE DISPOSIZIONI CITATE IN CALCE AL SEGUENTE CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELLA SPESA È AUTORIZZATA LA SPESA DI SEGUITO INDICATA IN CORRISPONDENZA ALLA PREVISIONE DELL' ENTRATA DI PARI IMPORTO SUL CAPITOLO DELLO STATO DI PREVISIONE DELL' ENTRATA CORRELATO SOTTOSPECIFICATO
CAPITOLO 3071 (E/ 190)
FINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO (CEE) N. 867/1990 PER IL PERSEGUIMENTO DELL' OBIETTIVO 5A) DI CUI ALL' ARTICOLO 1 DEL REGOLAMENTO (CEE) N. 2081/1993 - PROGRAMMA 1994 - 1999 - FONDI STATALI
ART. 1 REGOLAMENTO C.E.E. 20.7.1993 N. 2081 , REGOLAMENTO C.E.E. 29.3.1990 N. 867 , ART. 105 , COMMA 1 , L.R. 26.9.1995 N. 39
1997150.600.000
1998--
1999--
TOTALE150.600.000


Art. 30
 (Disposizioni in materia di beni mobili eimmobili del patrimonio regionale)
1. L'Amministrazione regionale provvede alla regolare tenuta dei beni mobili regionali mediante appositi inventari anche informatici.
3. La rivalutazione dei beni iscritti in inventario avviene annualmente con riferimento al 31 dicembre di ogni anno, con modalità definite da apposito regolamento da emanarsi entro novanta giorni dall'entrata in vigore della presente legge.
7. I beni mobili e le attrezzature assegnate alle associazioni e gruppi volontari iscritti nell'elenco regionale di cui all'articolo 30 della legge regionale 31 dicembre 1986, n. 64, vengono annotati nello stesso con le modalità di cui al relativo Regolamento d'attuazione, approvato con DPGR 12 settembre 1988, n. 0366/Pres.
10. Entro il 31 dicembre 1997 si provvede alla rinnovazione degli inventari esistenti ed alla rivalutazione dei beni mobili secondo i criteri previsti dai commi precedenti.
11. I beni mobili non registrati ai sensi dell'articolo 815 codice civile acquisiti da oltre 5 anni vengono rivalutati a valore zero e conservati nei registri di carico e scarico se mantenuti in uso.
12. I beni di cui al comma 7, già iscritti in inventario, vengono derubricati dallo stesso.
13. I beni immobili di cui all'articolo 1, comma 2, della legge regionale 14 agosto 1987, n. 21 e successive modificazioni ed integrazioni sono quelli destinati ad uso di abitazione e di attività artigianali e commerciali.
14. All'articolo 1, comma 2, lettera d) della legge regionale 21/1987, e successive modificazioni ed integrazioni le parole << nelle frazioni di Fossalon e di Boscat nel comune di Grado >> sono sostituite dalle parole << nel comune di Grado e nel comune di Fiumicello >>.
Note:
1Parole aggiunte al comma 2 da art. 14, comma 2, L. R. 11/1999
2Parole sostituite al comma 4 da art. 14, comma 3, L. R. 11/1999
3Integrata la disciplina del comma 6 da art. 14, comma 4, L. R. 11/1999
4Parole sostituite al comma 8 da art. 14, comma 5, L. R. 11/1999
5Parole sostituite al comma 11 da art. 14, comma 6, L. R. 11/1999
6Parole sostituite al comma 2 da art. 9, comma 63, L. R. 3/2002
7Comma 8 bis aggiunto da art. 2, comma 4, L. R. 13/2002
8Parole sostituite al comma 9 da art. 2, comma 5, L. R. 13/2002
9Parole soppresse al comma 5 da art. 1, comma 3, L. R. 12/2003
10Parole soppresse al comma 7 da art. 1, comma 3, L. R. 12/2003
11Parole soppresse al comma 8 da art. 1, comma 3, L. R. 12/2003
12Comma 8 ter aggiunto da art. 1, comma 3, L. R. 12/2003
13Parole sostituite al comma 9 da art. 1, comma 3, L. R. 12/2003
14Comma 16 abrogato da art. 14, comma 55, L. R. 17/2008
15Parole sostituite al comma 8 da art. 14, comma 14, L. R. 12/2009
16Parole aggiunte al comma 8 da art. 16, comma 1, lettera a), L. R. 26/2012
17Comma 9 sostituito da art. 16, comma 1, lettera b), L. R. 26/2012
18Comma 15 abrogato da art. 11, comma 4, lettera a), L. R. 13/2021 , a seguito dell'abrogazione dell'art. 8, L.R. 57/1971.