Consiglio Regionale

seguici su

Leggi regionali

Legge regionale 4 marzo 2005, n. 4

Interventi per il sostegno e lo sviluppo competitivo delle piccole e medie imprese del Friuli Venezia Giulia. Adeguamento alla sentenza della Corte di Giustizia delle Comunità europee 15 gennaio 2002, causa C-439/99, e al parere motivato della Commissione delle Comunità europee del 7 luglio 2004.

TESTO VIGENTE

Avviso legale: Il presente documento è riprodotto, con variazioni nella veste grafica ed eventuali annotazioni, dal corrispondente testo pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Friuli Venezia Giulia, non riveste carattere di ufficialità e non è sostitutivo in alcun modo della pubblicazione ufficiale avente valore legale.

Scegli il testo:

Formato stampabile:
HTML - PDF - DOC

Visualizza:
 

Data di entrata in vigore:
  09/03/2005
Materia:
220.08 - Innovazione e sviluppo tecnologico

CAPO V
 Delega di funzioni
Art. 42
 (Delega di funzioni alle Camere di commercio)
1. Sono delegate alle Camere di commercio aventi sede in Friuli Venezia Giulia le funzioni amministrative concernenti la concessione dei seguenti incentivi:
a)   ( ABROGATA )
b)   ( ABROGATA )
c)   ( ABROGATA )
c bis)   ( ABROGATA )
d)   ( ABROGATA )
e)   ( ABROGATA )
f)   ( ABROGATA )
g)   ( ABROGATA )
h)   ( ABROGATA )
i) interventi a favore di investimenti industriali finalizzati alla tutela dell'ambiente di cui all'articolo 1 della legge regionale 18/2003;
j) interventi a favore della riattivazione di impianti idroelettrici di cui all'articolo 2 della legge regionale 18/2003;
k) promozione all'estero di comparti produttivi di cui all'articolo 6 della legge regionale 18/2003;
l) incentivi alle PMI per programmi pluriennali di promozione all'estero di cui al capo VIII della legge regionale 20 gennaio 1992, n. 2 (Disciplina della programmazione della politica industriale. Nuove norme e provvedimenti di modifica ed integrazione degli strumenti di intervento);
m) contributi alle PMI industriali e loro consorzi per favorire l'utilizzo delle nuove tecniche di gestione aziendale di cui all'articolo 45 della legge regionale 23 luglio 1984, n. 30 (Interventi straordinari finalizzati alla ripresa economica nel territorio della regione Friuli - Venezia Giulia);
n) contributi alle imprese industriali per il contenimento dei consumi energetici di cui all'articolo 8, commi da 33 a 39, della legge regionale 15 febbraio 1999, n. 4 (Legge finanziaria 1999).
n bis) contributi a sostegno di progetti di imprenditoria femminile di cui all' articolo 2, comma 85, della legge regionale 11 agosto 2011, n. 11 (Assestamento del bilancio 2011);
n ter) contributi a sostegno di progetti di imprenditoria giovanile di cui all' articolo 20, comma 3, della legge regionale 22 marzo 2012, n. 5 (Legge per l'autonomia dei giovani e sul Fondo di garanzia per le loro opportunità);
n quater) incentivi per il rafforzamento e il rilancio della competitività delle microimprese e delle piccole e medie imprese di cui al titolo II, capi II e III, della legge regionale 4 aprile 2013, n. 4 (Incentivi per il rafforzamento e il rilancio della competitività delle microimprese e delle piccole e medie imprese del Friuli Venezia Giulia e modifiche alle leggi regionali 12/2002 e 7/2011 in materia di artigianato e alla legge regionale 2/2002 in materia di turismo).
2. Al fine di disciplinare i rapporti tra la Regione e le Camere di commercio, l'Amministrazione regionale stipula apposita convenzione in conformità a uno schema approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell'Assessore alle attività produttive.
3. 
( ABROGATO )
Note:
1Derogata la disciplina del comma 2 da art. 2, comma 61, L. R. 24/2009, sino ad avvenuta modifica del citato articolo ad opera di art. 3, comma 4, L. R. 18/2011
2Lettera b) del comma 1 abrogata da art. 74, comma 1, lettera a), L. R. 7/2011
3Lettera d) del comma 1 abrogata da art. 74, comma 1, lettera a), L. R. 7/2011
4Lettera f) del comma 1 abrogata da art. 74, comma 1, lettera a), L. R. 7/2011
5Lettera c) del comma 1 sostituita da art. 74, comma 1, lettera b), L. R. 7/2011
6Lettera c bis) del comma 1 aggiunta da art. 74, comma 1, lettera c), L. R. 7/2011
7Parole sostituite al comma 3 da art. 74, comma 2, L. R. 7/2011
8Rubrica dell'articolo modificata da art. 9, comma 2, lettera a), L. R. 16/2012
9Parole sostituite al comma 1 da art. 9, comma 2, lettera b), L. R. 16/2012
10Parole sostituite al comma 2 da art. 9, comma 2, lettera c), L. R. 16/2012
11Parole sostituite al comma 3 da art. 9, comma 2, lettera d), L. R. 16/2012
12Integrata la disciplina dell'articolo da art. 9, comma 4, L. R. 16/2012
13Lettera a) del comma 1 abrogata da art. 94, comma 2, lettera a), L. R. 4/2013 , a decorrere dal 31 dicembre 2013.
14Lettera c) del comma 1 abrogata da art. 94, comma 2, lettera a), L. R. 4/2013 , a decorrere dal 31 dicembre 2013.
15Lettera c bis) del comma 1 abrogata da art. 94, comma 2, lettera a), L. R. 4/2013 , a decorrere dal 31 dicembre 2013.
16Lettera e) del comma 1 abrogata da art. 94, comma 2, lettera a), L. R. 4/2013 , a decorrere dal 31 dicembre 2013.
17Comma 3 abrogato da art. 94, comma 2, lettera a), L. R. 4/2013 , a decorrere dal 31 dicembre 2013.
18Integrata la disciplina dell'articolo da art. 1, comma 1, L. R. 5/2013
19Vedi anche quanto disposto dall'art. 3, comma 1, L. R. 4/2014
20Integrata la disciplina del comma 1 da art. 2, comma 67, lettera a), L. R. 20/2015
21Lettera g) del comma 1 abrogata da art. 36, comma 2, L. R. 4/2016 , a decorrere dall'1 gennaio 2017, come previsto all'art. 36, c. 2, della medesima 4/2016.
22Lettera h) del comma 1 abrogata da art. 36, comma 2, L. R. 4/2016 , a decorrere dall'1 gennaio 2017, come previsto all'art. 36, c. 2, della medesima 4/2016.
23Rubrica dell'articolo sostituita da art. 1, comma 1, lettera a), L. R. 6/2017
24Parole sostituite al comma 1 da art. 1, comma 1, lettera b), L. R. 6/2017
25Lettera n bis) del comma 1 aggiunta da art. 1, comma 1, lettera c), L. R. 6/2017
26Lettera n ter) del comma 1 aggiunta da art. 1, comma 1, lettera c), L. R. 6/2017
27Lettera n quater) del comma 1 aggiunta da art. 1, comma 1, lettera c), L. R. 6/2017
28Comma 2 sostituito da art. 1, comma 1, lettera d), L. R. 6/2017
29Vedi la disciplina transitoria del comma 2, stabilita da art. 1, comma 7, L. R. 6/2017
30Integrata la disciplina della lettera k) del comma 1 da art. 2, comma 53, L. R. 31/2017
31Integrata la disciplina della lettera l) del comma 1 da art. 2, comma 53, L. R. 31/2017
Art. 43
 (Funzioni della Regione)
1. Nelle materie di cui all'articolo 42 la Regione esercita:
a) le funzioni di programmazione, indirizzo, regolamentazione, coordinamento, controllo, monitoraggio e vigilanza;
b) le funzioni attinenti ai rapporti internazionali, con l'Unione europea, con lo Stato e con le altre Regioni;
c) le funzioni che richiedono l'esercizio unitario a livello regionale.
1 bis. Con deliberazione della Giunta regionale sono individuati, tra i canali contributivi di cui all'articolo 42, quelli da attivare e sono fissati i rispettivi termini iniziali e finali per la presentazione delle domande di contributo.
2. La Giunta regionale emana direttive per l'applicazione del presente capo, al fine di assicurare il coordinamento delle attività delle Camere di commercio e la parità e omogeneità di trattamento tra le imprese beneficiarie.
3.  
( ABROGATO )
4.  
( ABROGATO )
Note:
1Integrata la disciplina dell'articolo da art. 15, comma 1, lettera b), L. R. 11/2009, sino ad avvenuta modifica del citato articolo ad opera di art. 3, comma 1, L. R. 18/2011
2Articolo sostituito da art. 9, comma 2, lettera e), L. R. 16/2012 , a decorrere dall' 1 gennaio 2013, come disposto dai commi 1 e 5 del medesimo art. 9 L.R. 16/2012.
3Comma 1 bis aggiunto da art. 1, comma 5, L. R. 33/2015
4Parole soppresse al comma 1 bis da art. 1, comma 2, lettera a), L. R. 6/2017
5Parole sostituite al comma 2 da art. 1, comma 2, lettera b), L. R. 6/2017
6Comma 3 abrogato da art. 1, comma 2, lettera c), L. R. 6/2017
7Comma 4 abrogato da art. 1, comma 2, lettera c), L. R. 6/2017
Art. 44
 (Fondo per gli incentivi alle imprese)
1. Per il finanziamento degli incentivi di cui all'articolo 42 è istituito il fondo per gli incentivi alle imprese.
2. Le risorse del fondo di cui al comma 1 vengono annualmente assegnate a Unioncamere FVG.
3. In tale fondo possono confluire anche i finanziamenti del fondo per gli incentivi alle imprese di cui all' articolo 6 del decreto legislativo 23 aprile 2002, n. 110 (Norme di attuazione dello statuto speciale della regione Friuli-Venezia Giulia concernenti il trasferimento di funzioni in materia di energia, miniere, risorse geotermiche e incentivi alle imprese).
Note:
1Comma 2 sostituito da art. 5, comma 67, L. R. 30/2007
2Comma 3 sostituito da art. 5, comma 68, L. R. 30/2007
3Integrata la disciplina dell'articolo da art. 2, comma 61, L. R. 24/2009, sino ad avvenuta modifica del citato articolo ad opera di art. 3, comma 4, L. R. 18/2011
4Integrata la disciplina del comma 2 da art. 2, comma 61, L. R. 24/2009 nel testo modificato da art. 3, comma 4, L. R. 18/2011
5Articolo sostituito da art. 9, comma 2, lettera f), L. R. 16/2012 , a decorrere dall' 1 gennaio 2013, come disposto dai commi 1 e 5 del medesimo art. 9 L.R. 16/2012.
Art. 45
 (Finanziamenti per l'esercizio delle funzioni delegate)
1. A titolo di indennità per l'attività di gestione delle funzioni delegate le Camere di commercio ricevono il rimborso delle spese nel limite massimo da definire nella convenzione di cui all'articolo 42, comma 2.
Note:
1Parole soppresse al comma 1 da art. 8, comma 147, L. R. 2/2006
2Articolo sostituito da art. 9, comma 2, lettera g), L. R. 16/2012 , a decorrere dall' 1 gennaio 2013, come disposto dai commi 1 e 5 del medesimo art. 9 L.R. 16/2012.
3Comma 1 sostituito da art. 2, comma 9, L. R. 25/2016
4Parole sostituite al comma 1 da art. 1, comma 3, L. R. 6/2017
5Integrata la disciplina del comma 1 da art. 2, comma 53, L. R. 31/2017
Art. 46
 (Norma transitoria)
1. I procedimenti in corso al 31 dicembre 2005 relativi alle funzioni delegate alle Camere di commercio, sono di competenza della Regione.